Archivio

Archivio Marzo 2006

Malattie prevenibili accecano i poveri del terzo mondo

31 Marzo 2006 Commenti chiusi

articolo tratto dal NYtimes
fa parte di una serie di articoli che spiegano quali malattie in particolare stanno uccidendo migliaia di persone nei paesi del terzo mondo.
malattie prevenibili e/o curabili a basso costo ma…i paesi del terzo mondo non hanno fondi e i paesi del mondo Occidentale sembra preferiscano spendere miliardi di dollari in armi che salvare la vita alla gente più povera del pianeta.

evoluzione?
terzo millennio?
mah..

**************************************************************

http://www.nytimes.com/2006/03/31/world/africa/31blind.html?hp&ex=1143867600&en=52c33a8daed4b843&ei=5094&partner=homepage

Preventable Disease Blinds Poor in Third World

Article Tools Sponsored By
By CELIA W. DUGGER
Published: March 31, 2006

ALEMBER, Ethiopia ? Mare Alehegn lay back nervously on the metal operating table, her heart visibly pounding beneath her sackcloth dress, and clenched her fists as the paramedic sliced into her eyelid. Repeated infections had scarred the undersides of her eyelids, causing them to contract and forcing her lashes in on her eyes. For years, each blink felt like thorns raking her eyeballs. She had plucked the hairs with crude tweezers, but the stubble grew back sharper still.

The scratching, for Mrs. Alehegn, 42, and millions worldwide, gradually clouds the eyeball, dimming vision and, if left untreated, eventually leads to a life shrouded in darkness. This is late-stage trachoma, a neglected disease of neglected people, and a preventable one, but for a lack of the modest resources that could defeat it.

This operation, which promised to lift the lashes off Mrs. Alehegn’s lacerated eyes, is a 15-minute procedure so simple that a health worker with a few weeks of training can do it. The materials cost about $10.

The operation, performed last year, would not only deliver Mrs. Alehegn from disabling pain and stop the damage to her corneas, but it also would hold out hope of a new life for her daughter, Enatnesh, who waited vigilantly outside the operating room door at the free surgery camp here.

Mrs. Alehegn’s husband left her years ago when the disease rendered her unable to do a wife’s work. At 6, Enatnesh was forced to choose between a father who could support her, or a lifetime of hard labor to help a mother who had no one else to turn to.

“I chose my mother,” said the frail, pigtailed slip of a girl, so ill fed that she looked closer to 10 than her current age, 16. “If I hadn’t gone with her, she would have died. No one was there to even give her a glass of water.”

Their tale is common among trachoma sufferers. Trachoma’s blinding damage builds over decades of repeated infections that begin in babies. The infections are spread from person to person, or by hungry flies that feed from seeping eyes.

In large part because women look after the children, and children are the most heavily infected, women are three times more likely to get the blinding, late stage of the disease.

For many women, the pain and eventual blindness ensure a life of deepening destitution and dependency. They become a burden on daughters and granddaughters, making trachoma a generational scourge among women and girls who are often already the most vulnerable of the poor.

Trachoma disappeared from the United States and Europe as living standards improved, but remains endemic in much of Africa and parts of Latin America and Asia, its last, stubborn redoubts. The World Health Organization estimates that 70 million people are infected with it. Five million suffer from its late stages. And two million are blind because of it.

A million people like Mrs. Alehegn need the eyelid surgery in Ethiopia alone. Yet last year only 60,000 got it, all paid for by nonprofit groups like the Carter Center, Orbis and Christian Blind Mission International.

As prevalent as trachoma remains, the W.H.O. has made the blinding late stage of the disease a target for eradication within a generation because, in theory at least, everything needed to vanquish it is available. Controlling trachoma depends on relatively simple advances in hygiene, antibiotics and the inexpensive operation that was performed on Mrs. Alehegn.

But the extent of the disease far exceeds the money and medical workers available. In poor countries like this one, faced with epidemics of AIDS, malaria and tuberculosis, a disease like trachoma, which disables and blinds, has difficulty competing with those big killers.

Dr. Abebe Eshetu, a health official here in Ethiopia’s Amhara region, described the resources available for trachoma as “a cup of water in the ocean.”

Nowhere is the need greater than across this harsh rural landscape.

As dawn broke one day last year, hundreds of people desperate for relief streamed into an eyelid surgery camp run by the government and paid for by the Carter Center. Some of the oldest had walked days on feet twisted by arthritis to get here.

The throng spread across the scrubby land around a small health clinic. They wrapped shawls around their heads to shield themselves from sun and dust, made all the more agonizing by their affliction. Their cheeks were etched with the salty tracks of tears.

‘Hair in the Eye’

Typical of those was Mrs. Alehegn, led stumbling and barefoot through stony fields by Enatnesh, who worriedly shielded her mother under a faded black umbrella.

As they waited their turn, Mrs. Alehegn explained that her troubles began more than 15 years ago when she developed “hair in the eye,” as trachoma is known here. The pain made it impossible for her to cook over smoky dung fires, hike to distant wells for water or work in dusty fields, the essential duties of a wife.

Gradually the affliction soured her relationship with her husband, Asmare Demissie, who divorced her a decade ago, so he could marry a healthy woman.

“When I stopped getting up in the morning to do the housecleaning, when I stopped helping with the farm work, we started fighting,” Mrs. Alehegn said.

The Rise and Fall of Berlusconi,….

29 Marzo 2006 Commenti chiusi

articolo del Newsweek

http://www.msnbc.msn.com/id/12019244/site/newsweek/site/newsweek/

pagina del blog di Beppe Grillo

http://www.beppegrillo.it/

continuano gli attestati di stima da tutto il pianeta per il nostro premier…

***************************************************************************+++++

De profundis

Il settimanale americano Newsweek (comunista) ha dedicato l?articolo di copertina all?elefantino con il titolo: ?Why Silvio isn?t smiling (Perchè Silvio non ride più)?.
Se l?elefantino non ride più adesso, gli italiani non ridono più da un pezzo. Almeno lui si è divertito in questi cinque anni.

Newsweek:

?Durante il governo Berlusconi la quarta economia europea è diventata l?anello più debole dell?Europa. Da un già anemico tasso di crescita dell?1,8% del 2001, l?Italia è scesa allo 0% dello scorso anno. Niente!?

?Il Cavaliere non ha fatto nella sostanza nessuno sforzo per introdurre serie riforme per invertire il declino economico dell?Italia. ?Durante i suoi cinque anni non sono avvenute né grandi privatizzazioni, né riforme strutturali?, dichiara Boeri della Università Bocconi di Milano, ?La sua idea è di aumentare la spesa pubblica e di tagliare le tasse per rivitalizzare la domanda?. Non ha funzionato. Numerosi uomini di business europei sono preoccupati che in futuro l?economia italiana si deteriori al tal punto da costringere l?Italia ad uscire dall?euro?.

?Si consideri la situazione potenziale che Prodi troverà in caso di vittoria. Anche se vincerà con un margine sostanziale, sarà difficile per lui avviare delle riforme economiche. La ragione? Grazie ai cambiamenti apportati alla legge elettorale dal governo Berlusconi, l?Italia è ritornata al vecchio sistema della rappresentanza proporzionale che ha creato coalizioni instabili in passato. ?Il Paese sarà molto meno governabile?, dice John Harper del centro di Bologna della John Hopkins University.

?La bilancia commerciale italiana ha superato i 10 miliardi di euro di deficit nel 2005, un risultato dovuto sia all?aumento del costo dell?energia, sia alla crescita del costo del lavoro. Il deficit di bilancio delle nazioni europee non dovrebbe superare il 3% del prodotto interno lordo. Molte nazioni lo hanno superato, ma l?Italia, intorno al 4%, è tra le peggiori?.

?Si confronti la crescita zero dell?Italia con quella delle altre nazioni europee: Spagna 3,4%, U.K. 1,8%, Francia 1,4%?.

Sento un rumore di pentole, di pentole argentine.
Durante questi anni alcuni gruppi, alcune persone, si sono enormemente arricchiti, mentre il Paese si impoveriva e si trova oggi di fronte a un possibile salto nel buio.
Credo che sia corretto che il prossimo Governo istituisca una commissione che verifichi la liceità di questi patrimoni e, in caso contrario, li utilizzi per ridurre il deficit dello Stato.

Un raggio di sole dal Kenya

26 Marzo 2006 Commenti chiusi

tratto oggi dal sito

http://www.beppegrillo.it/

posto una lettera comparsa sul sito che vedete sopra..
una lettera veramente bella.
che spero leggano e capiscano in tanti.
e che serva a qualcuno ad uscire dalle piccolezze di tutti i giorni che ci rubano la vita..

*********************************************************************

Un raggio di sole dal Kenya

Voglio ringraziare i ragazzi che mi hanno inviato questa lettera dal Kenya.
Un raggio di sole nella nostra vita di tutti i giorni.

?Caro Beppe,
siamo un gruppo di italiani impegnati in una missione religiosa qui in Kenya. Abbiamo scritto una piccola testimonianza che forse potrebbe essere utile segnalarti. Siamo sicuri che tu sei al corrente, ma nel nord del Kenya quasi 3 milioni di persone rischiano la fame e la perdita totale del bestiame se anche le prossime piogge falliranno. E’ strano ma sembra che in Italia le notizie sull’Africa non filtrino molto(almeno sul grande schermo).
Ciao bello?.
Daniele, Beppe e Andrea

??ed è subito sera?. Credo sia una poesia di Quasimodo. E? diventata un po? il motivo portante di questa mia vita qui, a Chaaria. Mi accorgo di quanto sia vero proprio in questo posto, proprio adesso in cui rubo qualche minuto alla routine in ospedale per scrivervi.
Non me ne sono accorto, e quasi due mesi sono passati. Un giorno per volta, un passo dopo l?altro, mi sembra di aver fatto tanta strada e nello stesso tempo di essere fermo.
Dalla mia camera si vede l?alba. Ogni mattina spengo la sveglia ?maledico la sveglia- e, ancora sdraiato, 6 e 20, apro le tende. Apro anche la finestra, mi piace il fresco del mattino, mi aiuta a svegliarmi. E? tutto tranquillamente in ombra, le vacche dormono, il bananeto non si muove. E di colpo esce fra le foglie di banana un disco arancione.
Sembra che quella palla rossa, enorme, sia lì apposta per me, a guardarmi in faccia per dirmi che sono vivo, e se mi sbrigo a saltare fuori dalle lenzuola è meglio. Non capisco cosa sia diverso nel cielo, è come se fosse pronto a piombarti sulla testa, è come se fosse piegato ad abbracciarti. Probabilmente sarà per la diversa curvatura della Terra all?equatore. Non mi interessa. Mi piace pensare che sia Dio che stringe al petto con amore i suoi figli prediletti: i miserabili, i sofferenti che abitano qui. E che sono quelli che ama di più non perché sono più buoni. Ma perché sono poveri.
Così comincia un?altra giornata. La messa come prima cosa. Per dare energia, per trovare un motivo per tutto quello che ci circonda. O almeno dovrebbe essere. In realtà vi confesso che ho talmente sonno che tante volte riprendo conoscenza quando qualcuno seduto vicino a me mi scrolla per darmi il segno della pace.
Di lì in poi si comincia a correre. Perché ha detto Madre Teresa :? non sia mai che qualcuno venga da voi e non se ne vada migliore di com?era quando è venuto, più felice.? Questo cerco di propormi ogni mattina. Spesso non ci riesco.

E? difficile spiegare Chaaria. Perché è difficile spiegare i sentimenti a parole. Ed i sentimenti sono forti, e sono in contrasto fra di loro. Sono occhi, grida, sorrisi, lacrime. Sono volti, nomi, odori.
Chaaria è Glory, che non sa perché, ma a 12 anni ha un tumore. Troppi soldi per operarsi. Maledetti soldi. Sempre loro. Troppo tardi per cercare una soluzione. C?è un angelo in più, adesso, in cielo. Un angelo troppo piccolo per capire, troppo lontano adesso dal suo papà che piange.
Chaaria è Susan, che non ha fatto niente di male. Ha l?AIDS. Senza colpa. Solo è nata dove non doveva. Susan sorrideva, sempre, mi salutava con la mano sinistra. Mi ha anche ringraziato perché le ho tolto un dente che le faceva male. Non è una bambina, è un fiore, dolce come un bacio. Mi sorrideva anche la sera se passavo a toccarle una mano. Ma è fragile, Susan. Troppo il peso della sofferenza sulle sue ossa leggere. Susan è una fiammella che si allontana sempre più. Susan è un angelo con un?ala rotta, è scesa per farci capire quale preziosa meraviglia sia la vita.

Stasera, proprio mentre scappavo dall?ospedale per venire a scrivervi, si sentiva da una radio quella canzone di non so più chi, che dice ? ? but if God was one of us??. Già, se Dio fosse uno di noi, cosa gli direi…
Lo ringrazierei per l?alba, i fiori del frangipane, gli alberi di banana, i mango. Per la risata di Makena, le gambe di Kanana, il sorriso di Beppe, la voce di Lorenzo. Perché respiro. Forse ci litigherei. Gli urlerei in faccia. Come Vecchioni che canta ?ora facciamo due conti io e te, Signore!?. Perché non fai qualcosa?
In questa mia fede traballante mi convinco sempre più che, se Dio c?è, è qui, con i poveri, con quelli che soffrono. Non fa quello che vorrei io. Non è un Dio prestigiatore, che fa i miracolini per far vedere che può. E? un Dio che sta con gli ultimi. Anzi, sta proprio in fondo alla fila. Lui era lì. Con Glory. A tenerle la mano, in silenzio. Lo so.

Certo, la rabbia a volte è tanta. Non so se la notizia sia arrivata in Italia, ma qui la scarsa stagione delle piogge ha portato la carestia. Giustamente persone di buon cuore si sono attivate per portare sollievo a una popolazione sofferente. Così una dolce vecchietta neozelandese, amministratore delegato di una multinazionale che produce alimenti per animali, ha offerto in dono diversi quintali di mangime per cani, ?per alleviare la fame dei bambini del nord del Kenya?. Complimenti! E? grazie ad iniziative costruttive come questa che Beppe Grillo può mantenere attivo il suo blog.

L?UNDP ha calcolato che basterebbero 40 miliardi di dollari, lo 0,1% del prodotto interno lordo mondiale, per garantire a tutti, in tutto il mondo, i servizi sociali di base. Ogni anno spendiamo circa 1000 miliardi di dollari in armi, quasi 500 in pubblicità, 50 in sigarette, 11 in gelati. E circa 20 in cibo per animali. Guardando tutto da quaggiù, non mi sento per niente fiero di essere un abitante di questo pianeta.

Ma non vorrei che con tutto questo mi pensaste triste, o scoraggiato. L?unica cosa ho tanto sonno. Ma sento verissimo quello che dice Frei Betto: “Nella vita per essere felici serve solo un po? di pane, del buon vino e un grande amore”. La vita semplice, come dice Gesù: beati, si, beati i cuori semplici. E? la semplicità che fa scoprire una libertà interiore. E? di questa libertà del cuore che, credo, tutti abbiamo sete. Una mia grande amica mi ha detto una volta che i poveri sono una straordinaria ricchezza. Credo sia vero.
E poi non ci sono solo Glory e Susan. Solo che spesso (capita anche a voi?) spendo più tempo a pensare alle ombre che alle luci.
Vorrei raccontarvi di William, che lavorando si è distrutto una mano. Con Gian l?abbiamo ricostruita, ed ho visto ieri che riesce di nuovo a muovere il pollice. Che figo! Potrei raccontarvi di Kangai, che ha partorito dopo un bruttissimo intervento una bimba che sarà una fotomodella o almeno un premio Nobel. La settimana scorsa è andata a casa, mi ha salutato con quel suo orrendo sorriso sdentato bellissimo. O di Isidoro, uno dei nostri Buoni Figli, un dolce vecchietto di 5 anni che non dimostra per niente i suoi 60. Che salta di gioia quando lo portiamo in macchina a bere una cocacola in ?città?, che mi ferma per mostrarmi orgoglioso la sua tartaruga che ha chiamato Brother Moris. Ma non c?è più tempo, vi parlerò ancora di loro. Adesso è tardi, devo tornare in ospedale. Poi bere una birra e poi andare a dormire. Magari dopo averne cantate un paio con Andrea. Canzonacce da osteria, o canzoni d?amore con la chitarra. Come se fossimo da sempre in vacanza.

Ho sentito in un film una frase dura, che mi ha colpito. Diceva circa così: faranno vedere tutte queste cose al telegiornale, la gente dirà ?che vergogna?. Poi prenderà in mano la forchetta e ricomincerà a mangiare cena. Forse è proprio così. Ma non dobbiamo rassegnarci. Non dobbiamo abituarci. Si può cambiare. ?il sole nasce anche d?inverno. La notte non esiste: guarda la luna? diceva una canzone qualche anno fa. Il mondo può cambiare. Siamo noi che possiamo cambiarlo. Noi, tutti insieme. Un pezzo alla volta.

Non so se il Signore mi ha voluto qui per cambiare il mio pezzettino. Credo che ci proverò. Di sicuro sono felice. Un grande abbraccio a tutti”.

Kabul, pena capitale al convertito

21 Marzo 2006 Commenti chiusi

tratto da

http://www.repubblica.it/2006/c/sezioni/esteri/afgaconda/afgaconda/afgaconda.html

certo che, se la notizia è confermata, comincio a pensare che in alcune parti del pianeta siamo ancora in pieno Medio Evo..
i viaggi nel tempo li possiamo già fare senza ausilio di racconti di fantascienza…

****************************************************************************

Afghanistan, chiesta la condanna a morte per un imputato
sotto processo per apostasia: aveva abbracciato la fede cristiana
Kabul, pena capitale al convertito
Fini convoca ambasciatore di Kabul

ROMA – Un cittadino agfano rischia la condanna a morte per apostasia, dopo essersi converito al cristianesimo: questa l’allarmante notizia diffusa ieri da alcune agenzie di stampa. E oggi anche il nostro ministro degli Esteri, Gianfranco Fini, si mobilita e chiede spiegazioni. Convocando l’ambasciatore dell’Afghanistan a Roma.

E se “le notizie di stampa risultassero confermate – spiega in una nota la Farnesina – l’Italia si adopererà al più alto livello, portando la questione all’attenzione dei vertici dell’Unione Europea a Bruxelles. Per impedire conseguenze incompatibili con la difesa dei diritti umani e delle libertà fondamentali”.

L’uomo, Abdul Rahman, 41 anni, è stato denunciato il mese scorso come convertito da suoi familiari, nell’ambito di una lite con l’ex moglie per la custodia dei due figli. Trovato in possesso di una Bibbia, l’uomo è stato accusato di apostasia per aver abbandonato l’Islam. In tribunale Rahman ha detto di essersi convertito 16 anni fa, mentre lavorava come medico assieme ad un’organizzazione cristiana che aiutava i profughi afgani in Pakistan.

Il pubblico ministero Abdul Wasi si è offerto di ritirare le accuse se Rahman accetterà di tornare all’Islam, ma l’uomo si è rifiutato. Per questo Wasi ha chiesto la pena di morte.

Una possibilità che mette in allarme i paesi occidentale. E non solo il nostro: tra i primi intervenire, ad esempio, c’è la Germania. “Faremo tutti gli sforzi possibili per salvare la vita di Abdul Rahman – dichiara oggi il ministro tedesco per gli Aiuti allo sviluppo, Heidemarie Wieczorek-Zeul al quotidiano Bild Zeitung – la libertà di religione deve valere per tutte le persone del mondo. In questo senso mi rivolgerò al presidente Karzai”.

Tornando all’Italia, c’è da registrare la presa di posizione dell’ex presidente della Repubblica, Francesco Cossiga, che in una lettera aperta a Silvio berlusconi chiede che l’Italia ritiri le truppe dal Paese. Duro anche il commento del sottosegretario agli Esteri, Margherita Boniver: “Se il fatto è ver, è un’infamia”.

Che fine ha fatto Eolo, l’auto ad aria? ( ovvero: è realtà o fantasia?)

21 Marzo 2006 Commenti chiusi

articolo scritto da Paolo Attivissimo (www.attivissimo.net)
interessante..

************* ************** *************** *************** **************
tratto da

http://attivissimo.blogspot.com/2006/03/eolo-auto-scomparsa.html

Che fine ha fatto Eolo, l’auto ad aria?

Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di “appiani” e “filippoconc***”.

Circolano da moltissimo tempo (alcuni anni) appelli diffusi tramite e-mail che parlano di Eolo, un’auto ad aria compressa che avrebbe dovuto rivoluzionare il mercato automobilistico con il suo sistema di propulsione ultraecologico ma che è misteriosamente scomparsa dalla scena. C’è chi ipotizza complotti da parte di chi non avrebbe interesse a liberarci della dipendenza dal petrolio.

Ecco un esempio di testo di uno di questi appelli.

__________________________________________

Notizia del 28 febbraio 2006 – 14:49
L’auto ad aria è… volata via
Eolo, la vettura che avrebbe fatto a meno della benzina è stata fatta sparire. Perché?

di: Ruggine

VIVIAMO IN UN MONDO DOVE DEI BASTARDI CI VOGLIONO FAR CREDERE CHE IL PETROLIO E’ IMPORTANTE QUANTO L’ACQUA QUESTA DEVE DAVVERO FARE IL GIRO DEL MONDO!

Guy Negre, ingegnere progettista di motori per Formula 1, che ha lavorato alla Williams per diversi anni, nel 2001 presentava al Motorshow di Bologna una macchina rivoluzionaria: la “Eolo” (questo il nome originario dato al modello), era una vettura con motore ad aria compressa, costruita interamente in alluminio tubolare, fibra di canapa e resina, leggerissima ed ultraresistente.

Capace di fare 100 Km con 0,77 euro, poteva raggiungere una velocità di 110 Km/h e funzionare per più di 10 ore consecutive nell’uso urbano. Allo scarico usciva solo aria, ad una temperatura di circa -20°, che veniva utilizzata d’estate per l’impianto di condizionamento.

Collegando Eolo ad una normale presa di corrente, nel giro di circa 6 ore il compressore presente all’interno dell’auto riempiva le bombole di aria compressa, che veniva utilizzata poi per il suo funzionamento.

Non essendoci camera di scoppio né sollecitazioni termiche o meccaniche la manutenzione era praticamente nulla, paragonabile a quella di una bicicletta.

Il prezzo al pubblico doveva essere di circa 18 milioni delle vecchie lire, nel suo allestimento più semplice.

Qualcuno l’ha mai vista in Tv?

Al Motorshow fece un grande scalpore, tanto che il sito www.eoloauto.it venne subissato di richieste di prenotazione: chi vi scrive fu uno dei tanti a mettersi in lista d’attesa, lo stabilimento era in costruzione, la produzione doveva partire all’inizio del 2002: si trattava di pazientare ancora pochi mesi per essere finalmente liberi dalla schiavitù della benzina, dai rincari continui, dalla puzza insopportabile, dalla sporcizia, dai costi di manutenzione, da tutto un sistema interamente basato sull’autodistruzione di tutti per il profitto di pochi.

Insomma l’attesa era grande, tutto sembrava essere pronto, eppure stranamente da un certo momento in poi non si hanno più notizie.

Il sito scompare, tanto che ancora oggi l’indirizzo www.eoloauto.it risulta essere in vendita.

Questa vettura rivoluzionaria, che, senza aspettare 20 anni per l’idrogeno (che costerà alla fine quanto la benzina e ce lo venderanno sempre le stesse compagnie) avrebbe risolto OGGI un sacco di problemi, scompare senza lasciare traccia.

A dire il vero una traccia la lascia, e nemmeno tanto piccola: la traccia è nella testa di tutte le persone che hanno visto, hanno passato parola, hanno usato Internet per far circolare informazioni.

Tant’è che anche oggi, se scrivete su Google la parola “Eolo”, nella prima pagina dei risultati trovate diversi riferimenti a questa strana storia.

Come stanno oggi le cose, previsioni ed approfondimenti. Il progettista di questo motore rivoluzionario ha stranamente la bocca cucita, quando gli si chiede il perché di questi ritardi continui. I 90 dipendenti assunti in Italia dallo stabilimento produttivo sono attualmente in cassa integrazione senza aver mai costruito neanche un’auto. I dirigenti di Eolo Auto Italia rimandano l’inizio della produzione a data da destinarsi, di anno in anno.

Oggi si parla, forse della prima metà del 2006…

Quali considerazioni si possono fare su questa deprimente vicenda? Certamente viene da pensare che le gigantesche corporazioni del petrolio non vogliano un mezzo che renda gli uomini indipendenti.

La benzina oggi, l’idrogeno domani, sono comunque entrambi guinzagli molto ben progettati. Una macchina che non abbia quasi bisogno di tagliandi nè di cambi olio, che sia semplice e fatta per durare e che consumi soltanto energia elettrica, non fa guadagnare abbastanza. Quindi deve essere eliminata, nascosta insieme a chissà cos’altro in quei cassetti di cui parlava Beppe Grillo tanti anni fa, nelle scrivanie di qualche ragioniere della Fiat o della Esso, dove non possa far danno ed intaccare la grossa torta che fa grufolare di gioia le grandi compagnie del petrolio e le case costruttrici, senza che “l’informazione” ufficiale dica mai nulla, presa com’è a scodinzolare mentre divora le briciole sotto al tavolo….

invece delle inutili catene di S. Antonio, facciamo girare queste informazioni!!!
LA GENTE DEVE SAPERE!!!!!!!

Link utili (ci sono anche video da scaricare): http://www.eoloenergie.it/html/ita.html

______________________________________________________

La fonte originale di questa versione dell’appello pro-Eolo è il blog di Ruggine di febbraio 2006, ma non è Ruggine la persona che (come dice l’appello) si è messa in lista d’attesa per acquistare Eolo. Ruggine ha infatto copiato pari pari il testo di un articolo che circola in Rete almeno da giugno 2005 ed è firmato da Marco Pagani. L’originale dell’articolo di Pagani è su Arengario.net. Ecco cos’altro ho trovato con una rapida ricerca in Rete.

Il progetto Eolo è reale: per esempio, CNN riporta un breve articolo datato 23 gennaio 2004, nel quale si cita “l’inventore Guy Negre, che nel sud della Francia afferma di aver sviluppato un’auto che va ad aria” e raggiunge le 70 miglia orarie (circa 112 km/h) e rimanda ad Aircaraccess.com. Negre dichiara nell’articolo di avere oltre 30 brevetti su questa tecnologia. Una ricerca all’Ufficio Brevetti Europeo trova circa un centinaio di brevetti a nome di Negre, molti dei quali riguardano l’uso dell’aria compressa per la propulsione.

Anche il Corriere della Sera ne ha parlato a gennaio 2002, indicando che:

“la Eolo Italia ha in programma di avviare in primavera il primo stabilimento, che avrà sede a Rieti e che sarà in grado di produrre circa 8.000 veicoli all’anno. A questo saranno poi affiancate altre nove fabbriche di cui sono già state individuate le località: Carini (Palermo), Candela (Foggia), Tito (Potenza), L’Aquila, Narni (Terni) , San Giorgio di Nogaro (Udine), Broni (Pavia), Ostellato (Ferrara), Ferentino (Frosinone).”

Vi sono inoltre moltissimi siti che parlano del progetto, come EcPlanet, che dichiara per Eolo un’autonomia di “200 km alla media di 60 km/h (oppure 10 ore di utilizzo in città)” e segnala che “La Eolo entrerà in produzione quest’anno (2003) e sarà assemblata a Broni, nell’Oltrepò pavese”. Tuttavia l’articolo risale appunto al 2003 e non mi risulta che a Broni sia in corso alcun assemblaggio. Chi è sul posto potrebbe andare a controllare e segnalarmi i risultati della sua indagine in loco.

L’idea, di per sé, teoricamente non è campata… per aria: Secondo Aircaraccess.com, i locomotori ad aria compressa venivano usati ampiamente nelle miniere, luogo dove i gas di scarico dei motori normali sarebbero stati fatali. Tecnologicamente, insomma, non si tratterebbe di un principio basato su una bufala.

Quello che invece è meno chiaro è quanto funzioni davvero la versione di questa tecnologia inventata da Negre. Quattroruote.it è lapidario in un articolo di luglio 2005:

“Da qualche giorno gira via e-mail l’ennesima catena di sant’Antonio. Questa volta non si tratta di un caso-umano, ma della “Eolo” (nella foto), l’auto ecologica spinta da un motore ad aria compressa. Su “Quattroruote” ne abbiamo parlato ampiamente (sui fascicoli di dicembre 2001, aprile 2002 e gennaio 2003), ma il tam tam di questi giorni ha riportato alla luce questo progetto… L’innovativa ed economica “Eolo”, voluta dall’ex ingegnere di Formula 1 Guy Negre, ha avuto alcuni problemi legati ai costi di sviluppo dei prototipi: già nel 2002 la MDI (società che avrebbe dovuto produrre la vettura ecologica) aveva speso circa 15 milioni di euro per produrre qualche esemplare-laboratorio e alcuni particolari di ricambio. Ma non solo. Sul fascicolo di “Quattroruote” dell’aprile 2002 c’è una nostra piccola presa di contatto con la “Eolo”, su strada: il risultato fu un breve tragitto su un’auto che, non ancora messa a punto, si fermò dopo qualche minuto a causa di una formazione di ghiaccio nel motore…”

Dietro i ritardi di Eolo ci sarebbe, insomma, un problema tecnologico difficile da risolvere: per sua natura, un gas compresso, quando si espande, si raffredda. L’aria fortemente compressa nel “serbatoio” (in realtà una bombola) della Eolo, nel raggiungere il sistema di propulsione, passerebbe da qualche centinaio di atmosfere a un’atmosfera, facendo quindi congelare i tubi di alimentazione. L’umidità comunque presente nell’aria (anche se dessiccata) genererebbe ghiaccio nei tubi, ed Eolo si bloccherebbe in brevissimo tempo. Quindi l’appello sbaglia alla grande quando dice che Eolo non è soggetto a “sollecitazioni termiche o meccaniche”.

Dal punto di vista tecnico, quindi, l’estrema compressione proposta dal progetto di Negre sarebbe poco praticabile. Inoltre dal punto di vista commerciale le cose sono molto confuse.

C’è infatti una sorta di gioco al rimpallo: l’articolo di EcPlanet dice che “MDI… ha ceduto la licenza per costruzione e commercializzazione in vari paesi alla Eolo International, che ha girato per l’Italia alla Eolo Italia”. Secondo un articolo di Mybestlife.com, datato prima del 2003, l’amministratore delegato di Eolo Italia è (o era) Giuseppe Martellucci.

Alcuni articoli su Eolo portano a Motordeaire.com, che mostra video di prototipi datati 2005, racconta di riunioni di investitori di varie nazioni e nella sua FAQ spiega che “nei paesi nei quali sono state vendute le licenze di fabbricazione, si comincerà a costruire [l'auto] non appena la fabbrica madre in Francia avrà iniziato la produzione”. Solo che a quanto pare, la fabbrica madre non ha ancora iniziato questa produzione.

Sembra di capire, dai vari siti ufficiali e non ufficiali, che esista una società, la MDI (Moteur Developpment International), che concede la licenza di fabbricazione a chi è interessato. MDI ha vari siti, il principale dei quali sembra essere Mdi.lu, che si dichiara “unico sito ufficiale delle auto ad aria compressa MDI” (ma ci sono anche il già citato sito spagnolo Motordeaire.com e un sito inglese, TheAirCar.com, che offre una biografia di Guy Negre). Sta poi agli interessati investire i propri capitali per realizzare e vendere Eolo e gli altri veicoli ad aria compressa proposti dalla MDI. Anzi, MDI vende anche fabbriche complete, di cui però mostra soltanto modellini e disegni. Di certo non è esatta l’affermazione dell’appello secondo la quale “da un certo momento in poi non si hanno più notizie”.

Secondo le FAQ inglesi di TheAircar.com, “la fabbrica centrale è a Nizza (Francia), dove risiede il nostro presidente e inventore. Tutto viene fatto là e la produzione inizierà a breve. Noi a Barcellona costituiamo l’ufficio vendite principale e il nostro compito è l’espansione commerciale del progetto nel mondo, specificamente in Spagna, Portogallo, America Latina, Regno Unito e Canada”. Notate l’assenza dell’Italia.

Secondo Mdi.lu, la fabbrica francese sarebbe per l’esattezza a Carros, vicino a Nizza. L’indirizzo indicato dal sito è 3405-4ème Avenue – BP 547 – F06516 Carros. Ho provato a visitare Carros con Google Earth (43° 47’29.40 N 7°12’22.67 E), ma la risoluzione nella zona è insufficiente e non ci sono i nomi delle vie: magari qualche lettore francese è più esperto di me nel reperire cartine della zona e magari anche una foto aggiornata della fabbrica.

E in Italia? Il sito Eoloauto.it citato nell’appello è vuoto; il sito Eoloenergie.it è invece ricco di comunicati stampa e video di presentazioni di un generatore (statico) ad aria compressa, alcune trasmesse anche dal TG1. Delle auto, tuttavia, non si parla, se non per dire che

“La vettura sarà presentata in anteprima mondiale a Roma nel mese di Settembre [ma di quale anno?], per la commercializzazione bisognerà attendere ancora un poco. Ulteriori informazioni verranno aggiunte su questo sito… Il progetto è in fase avanzata, alcuni prototipi di nuove generazioni di motori ulteriormente migliorati sono già installati sulle vetture “TEST”, si conta di avviare la produzione di serie appena saranno ultimati i test delle nuove motorizzazioni.”

Eoloenergie.it appartiene alla Eolo energie SRL, via Federico Cesi 30, 00193 Roma. Il sito non fornisce alcun recapito telefonico né i nomi dei responsabili, ed è molto strano e poco professionale che un sito aziendale contenga banner pubblicitari forniti da Google. Ho chiesto una presa di contatto a Eoloenergie: se ci saranno novità, le pubblicherò come aggiornamento a questo articolo.

Esiste anche una Eolo Energie Aquila S.p.A., che il 20 aprile 2005 ha presentato alle autorità a L’Aquila un trattore ad aria compressa basato sulla tecnologia di Negre (come descritto in un PDF in francese scaricabile presso Mdi.lu). Il trattore ha fatto un giretto in sala, ma nulla più: non risulta che siano state fatte prove sul campo, per esempio facendo lavorare il trattore per una giornata.

Inoltre il sito della Eolo Energie Aquila è completamente vuoto, a parte la facciata “in costruzione”, cosa decisamente strana per un sito aziendale di una S.p.A. Articoli trovati in Rete ne indicano la sede: viale Crispi 28/A, L?Aquila. Se qualcuno passa da quelle parti, potrebbe dare un’occhiata e scattare una foto della sede, che pubblicherei volentieri.

In sintesi, per ora non sembra esserci alcun complotto per fermare un’invenzione che sarebbe già pronta per la commercializzazione: sembra invece che ci siano, più banalmente, seri problemi tecnici nel passare dall’idea (peraltro non nuova) all’attuazione pratica. A quanto mi risulta, nessuno ha mai visto Eolo viaggiare per più di qualche minuto: siamo quindi ben lontani dalle prestazioni dichiarate.

A questi problemi tecnici si abbina un approccio commerciale piuttosto confuso e fumoso, basato molto sulle promesse ma ben poco sulla sostanza.

Ci sono anche delle complicazioni giudiziarie. Secondo il Giornale Tecnologico del 5/12/2005,

“…i soci della Eolo Auto Italia hanno perso la pazienza, e dopo aver investito circa 6 milioni di euro hanno deciso di far causa alla francese MDI. La società, infatti, si trova costretta a licenziare i suoi 74 operai tenuti per un lunghissimo periodo in cassa integrazione. “Abbiamo dato mandato a uno studio legale di citare la società in tribunale – ha detto Giuseppe Bussotti, presidente e amministratore dimissionario – perché non hanno rispettato il contratto”. La causa, ha aggiunto Bussotti, dovrebbe svolgersi in Lussemburgo. Gli operai, ha spiegato Bussotti, “sono sul libro paga della Eolo, ma non sono stati pagati, perché ci sono queste difficoltà. Dobbiamo licenziarli: come possiamo pagare 74 persone senza produrre nulla??. “Ci sono stati consegnati solo alcuni macchinari – ha detto l’ex presidente Giuseppe Martellucci – ma non le distinte dei pezzi, dunque non si è mai potuto produrre nulla”.

…”[Secondo Bussotti, i] tecnici della MDI “non sono mai stati in grado di dirci i veri rendimenti dell’Eolo”, cioè di indicare l’effettiva autonomia dell’auto con un “pieno” d’aria. “Non sono un tecnico – ha aggiunto e concluso il presidente – ma secondo me non riescono ancora ad avere rendimenti importanti, non hanno ancora trovato il modo di trasformare e conservare la potenza. Le speranze di poter arrivare a produrre l’auto ci sono ancora, ma siamo onesti: è probabile che non potremo farlo”.

Sarei molto lieto di potermi ricredere, ma sulla base dei dati disponibili fin qui, sembra insomma un classico caso di investitori (ed ecologisti in poltrona) abbagliati da un’idea troppo bella per essere vera. Cose che capitano, quando chi investe non chiede consiglio a un tecnico e non pretende di vedere un prototipo funzionante in condizioni realistiche e controllate prima di aprire il portafogli.

Lo so, sarebbe stato molto più emozionante scoprire un complotto delle multinazionali del petrolio, ma purtroppo la realtà è spesso molto più banale delle fantasie degli appelli che circolano in Rete.

segue forum

il Berluska? Gli vogliono bene tutti!!

18 Marzo 2006 Commenti chiusi

dal Guardian ( giornale indipendente inglese ndr) ancora “apprezzamenti” ( lo definiscono come “il più serio rischio per la democrazia nell’Europa occidentale dal 1945 ad oggi”..) sul Silvio nazionale….

http://www.guardian.co.uk/comment/story/0,,1731932,00.html

Comment
New Labour must recognise that Berlusconi is the devil

Blair’s friend and ally lies in direct line of descent from Mussolini and poses a toxic threat to democracy

Martin Jacques
Thursday March 16, 2006
The Guardian

We should not be surprised that New Labour has become embroiled in a scandal that involves Silvio Berlusconi. There is something entirely predictable about it. Tony Blair was perfectly happy to embrace Berlusconi, together with the former Spanish prime minister José Maria Aznar as an ally at the time of the breach between Europe and the US in the months prior to the Anglo-American invasion of Iraq. He has seen Berlusconi as a valuable ally in pursuit of his pro-Bush foreign policy. In fact, he has consistently been closer to Berlusconi than to centre-left leaders such as the former German chancellor Gerhard Schröder. This sense of affinity has even acquired a personal and family dimension, with the Blairs accepting Berlusconi’s hospitality and taking their vacations with the Italian leader at his holiday home.

Article continues
Blair clearly feels a political and personal rapport with Berlusconi. And this has set the tone for New Labour: Berlusconi is regarded as a man to do business with. This is deeply disturbing. How can New Labour regard Berlusconi in such a light? How can it fail to see and reflect upon the malign influence that he has had on Italian democracy? And what does the silence on such matters and warm embrace of the Italian leader tell us about New Labour itself?

Berlusconi is the most dangerous political phenomenon in Europe. He represents the most serious threat to democracy in western Europe since 1945. It might be argued that the far right as represented by such openly racist and xenophobic figures as Jean-Marie Le Pen and Jörg Haider poses a more serious danger, but such figures remain relative outsiders in the European political scene. Berlusconi does not. During his two spells as prime minister there has been a very serious erosion of the quality of Italian democracy and the tone of public life.

Democracy depends upon the separation of political, economic, cultural and judicial power. Berlusconi’s ownership of the major television channels – and his control of the state-owned network, Rai, during his premiership – together with his willingness to use this media power for his own naked political ambitions, has undermined democracy. Further, he has changed the laws of the land at will – using his majority in parliament – to protect his personal interests and save himself from the courts.

The connection between Berlusconi and Italian fascism is not difficult to decipher. There has always been a predictable tendency to expect fascism to recur in its old forms; but that has never been the main danger. What we should fear is the reappearance of fascism in a new guise, reflecting the new global, economic and cultural conditions of the time, while at the same time drawing on national traditions. Berlusconi is precisely such a figure. He treats democracy with contempt: at each turn he seeks to undermine, distort and abuse it. He has no respect for the independent pillars of authority – prepared to accuse the judges of being stooges of the opposition and describe them as “communists”.

By his indiscriminate assaults on anyone who stands in the way of his personal rule and enrichment, he has poisoned Italian public life. He lies in direct line of descent from Mussolini. The failure of New Labour to recognise this – worse, to befriend him, to regard him as some kind of ally, to accept his largesse and hospitality – cannot be dismissed as an oversight. It calls into question New Labour’s – and the prime minister’s – world-view and political judgment.

Tessa Jowell is not a political innocent. She is a leading member of the cabinet. She has been assiduously working her way up the New Labour ladder for many years. She has long been a Blairite, enjoying a relationship of trust with the prime minister. She has faithfully reflected his views in regarding Berlusconi as a politically sympathetic figure with whom New Labour, and its leading families, could do business. She may or may not have known the intimate details of her husband’s financial affairs but she surely knew that he had acted for Berlusconi, helped him to avoid taxes, and assisted him in his efforts to resist the judiciary. And, no doubt, Jowell saw nothing wrong in this. After all, Berlusconi had the blessing of her prime minister – he was, broadly speaking, “on our side”.

But Berlusconi is a dangerous man to become entrapped with. He deals in the dark sides of Italian political life. His party, Forza Italia, worked tirelessly to ensure that it inherited the mafia vote from the corpse of the Christian Democrats. His financial tentacles have abused and disfigured Italian political life. He regards the law to be malleable, negotiable and corruptible. He who sups with the devil should expect to reap the consequences. The problem is that Blair and New Labour have never recognised that Berlusconi is the devil. Instead they have seen him as a friend and ally. They have never recognised, or at least sufficiently cared about, the toxic threat he poses to Italian or European democracy.

There are two main reasons for this. First, he is seen as a global soulmate of Bush and Blair. Second, some of the values he represents – money, celebrity and power – are ones that Blair himself aspires to and admires. New Labour shares certain characteristics with Berlusconi, notably an indiscriminate worship of business and moneymaking, a belief in the power of the media, and a contempt for the left. We are witnessing a slow degradation of European democracy, of which Berlusconi is the most extreme and pernicious expression but of which New Labour, in a much milder form, is part-cause and part-consequence.

As the Italian legal process winds its way slowly through the evidence, no doubt more revelations will come to light. Whatever David Mills has done or not done cannot be regarded as the responsibility of Jowell, Blair or New Labour. But the fact that New Labour has been prepared to embrace such an insidious political influence undoubtedly helped to persuade Mills that Berlusconi was an acceptable client and Jowell that there was nothing untoward in her husband dealing with such a man and playing such an intimate role in his affairs. For that the prime minister must take the main responsibility. Just as with Iraq, Blair stands guilty of a monumental political error. What is at stake is no less than the democratic wellbeing of one of western Europe’s largest countries and, as a consequence, the health of the European polity.

· Martin Jacques is a senior visiting research fellow at the Asia Research Institute, National University of Singapore

Tremonti (mr Finanza creativa ndr): «Per me valgono solo i dati Eurostat»

16 Marzo 2006 Commenti chiusi

dal Corriere di oggi

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Economia/2006/03_Marzo/16/bankitalia.shtml

il Paese è in ginocchio e a mr Finanza creativa non risulta … si vede che vive all’estero..

**************************************************************

Tremonti: «Per me valgono solo i dati Eurostat»
Bankitalia: debito/pil 2005 salito al 106,4%
Per la prima volta in dieci anni scende anche l’occupazione. Produzione industriale stagnante nel primi mesi dell’anno

ROMA – Sono molto negativi i dati economici italiani per i primi mesi del 2006 fotografati nel bollettino economico della Banca d’Italia. Per la prima volta dal 1994 il rapporto fra debito e prodotto interno lordo (pil) è salito. Nel 2005 è stato pari al 106,4% contro il 103,8% dell’anno precedente. Inoltre per la prima volta in dieci anni anche l’occupazione è in calo: -0,4% dopo essere rimasta pressoché invariata nel 2004. Il bollettino di Bankitalia rivela però che, paradossalmente, al tempo stesso il numero di persone occupate cresce dello 0,2%. La diversità deriva «soprattutto dagli aumenti dei lavori a orario ridotto e della Cassa integrazione. Per di più un giovane lavoratore su quattro è precario, percentuale che cresce a uno su due di chi ha trovato impiego nel 2005.
ECONOMIA: PRODUZIONE STAGNANTE – Nei primi mesi del 2006 le stime segnalano «un sostanziale ristagno della produzione industriale». L’indice della produzione industriale ha registrato «un forte incremento» in dicembre a cui «è seguita una lieve flessione in gennaio e la stabilità di febbraio e marzo». Il pil 2006 secondo il capo dell’ufficio studi di Bankitalia, Salvatore Rossi, potrebbe attestarsi attorno all’1,3%, ma «a patto di non dormirci sopra», ma sono numeri ancora non sufficienti per superare «il divario di crescita dell’economia italiana non solo rispetto alle aree più dinamiche del mondo, ma anche rispetto ai grandi Paesi, pure attardati nel confronto internazionale».
OK DA UE, MA… – La Banca d’Italia ricorda che la Finanziaria 2006 ha ottenuto l’approvazione dell’Unione europea, ma osserva che esistono «rischi» sul contenimento della spesa, specie per le amministrazioni locali. La piena realizzazione della manovra comporta una crescita della componente primaria corrente di circa l’1% rispetto al 2005». Cosa avvenuta solo nel 1997.

PRECARIO UN GIOVANE LAVORATORE SU 4 – Un lavoratore giovane (15-29 anni) su quattro è precario. È quanto emerge dal Bollettino di Bankitalia, che specifica che è precario il 50% dei giovani chi hanno trovato lavoro nel 2005. Nei primi tre trimestri del 2005 l’incidenza dei rapporti di lavoro a termine sull’occupazione complessiva è stata del 10,8%.

BOOM DEBITI FAMIGLIE – Negli ultimi dieci anni si è avuto un boom dell’indebitamento delle famiglie italiane, che in base a dati aggiornati al settembre dello scorso anno ha toccato il 30% del Pil contro il 18% del 1996. «Questo valore risulta contenuto nel confronto con l’area dell’euro e con gli Usa», sottolinea Bankitalia nel bollettino economico.
TREMONTI: «VALE SOLO EUROSTAT» – «Non ho il minimo interesse per la moltiplicazione di dati che vengono fatti da varie fonti: il mio giudice è la Commissione europea e sono i dati Eurostat quelli fondamentali». Lo ha detto il ministro dell’ Economia, Giulio Tremonti, intervenendo alla trasmissione «Porta a porta», ma senza riferirsi esplicitamente ai dati forniti da Bankitalia. «I conti dell’Italia – ha detto Tremonti replicando alle critiche di Enrico Boselli e Fausto Bertinotti – sono stati definiti quadrati in Europa e sono contento per il mio paese. Non sono di quelli che hanno detto che i conti pubblici sono allo fascio e, comunque vada, non lo dirò perché non è vero e perché non è politicamente giusto».
16 marzo 2006

Computer a manovella a 100 dollari: Bill Gates stronca il progetto

16 Marzo 2006 Commenti chiusi

da “la Repubblica” di oggi

http://www.repubblica.it/2005/e/sezioni/scienza_e_tecnologia/microsoft2/polegate/polegate.html

certo che gli rode un pochino che lo lascino fuori dalle grandi innovazioni informatiche ( probabilmente perchè lui non incassa niente, ciccino…)
per fortuna mr Negroponte e la Google hanno creato un portatile che darà l’opportunità a tanti bimbi che vivono in zone isolate, magari non raggiunte dalla rete dell’energia elettrica, di imparare ad utilizzare un pc…
e utilizzando un sistema operativo open source per di più…

*********************************************************************+++++++++

Il portatile per i paesi poveri pronto per la fine dell’anno
Dure critiche e ironie da parte del creatore della Microsoft
Computer a manovella a 100 dollari
Bill Gates stronca il progetto
di GAIA GIULIANI

“One laptop per Child”

ROMA – La battaglia è iniziata, e Bill Gates la porta avanti senza esclusione di colpi. Mirando anche sotto la cintura come in questo caso. Il progetto Google-Negroponte per un computer da 100 dollari destinato ai paesi emergenti? “Credo che l’ultima cosa che un utente desideri è stare seduto davanti a un computer con uno schermo minuscolo, cercando di farlo funzionare mentre tenta di battere qualcosa sulla tastiera”.

Durissime le dichiarazioni che Bill Gates ha rilasciato durante un convegno Microsoft tenuto a Washington, che ironizzano su un progetto destinato in primo luogo ai paesi in via di sviluppo. Ancora in fase di studio, seppure già annunciato alla stampa da qualche mese, il portatile non sarà messo in commercio, ma venduto a una serie di nazioni e distribuito dai loro governi alle istituzioni scolastiche.

Perché tanta acredine allora? Forse perché la Microsoft non è stata scelta come partner dell’iniziativa o perché vede spuntare un nuovo rivale della tecnologia low cost dopo Steve Jobs e il suo Mini Mac? Jobs aveva cercato di essere della partita offrendo il suo software – Mac OSX – per il progetto, ma è stato preferito Linux, e la cosa è finita lì. Gates invece ha scelto di picchiare duro e viene da pensare che il motivo vada cercato in un’esclusione mirata – il portatile sarà privo di disco rigido e software che gli utenti sono invitati a scaricare dalla rete bypassando quindi anche il suo Office – e nella battaglia personale che il guru dei pc ha ingaggiato con Google sfidando qualche tempo fa il motore di ricerca con l’annuncio di un omologo “due volte migliore” targato Microsoft.

La rabbia però gli ha fatto proprio perdere le staffe, e Bill è incappato in un paio di errori mentre dileggiava il progetto. Che pena un computer destinato ad “essere condiviso con altri utenti” in cui però non è possibile “archiviare informazioni”? Ma caro Gates, il pc è promosso dall’associazione One Laptop per Child (un portatile per bambino), che indica chiaramente già dal nome la volontà di renderlo funzionale per un uso singolo. Nicholas Negroponte, presidente del progetto e docente al Mit, spiega chiaramente che i computer sono stati studiati “per essere posseduti da un singolo bambino. E’ importante per i piccoli essere proprietari di qualcosa come un pallone o una bambola. Perché si è spinti ad amare e curare le proprie cose, e questo portatile potrà diventare la loro finestra sul mondo”.

E sempre Negroponte fa sapere senza problemi che il computer, proprio per contenere il costo entro i 100 dollari, non darà la possibilità di archiviare troppi dati. Dunque nulla che non fosse già noto. La novità semmai è che per poterlo rendere attivo anche in villaggi senza elettricità, è stata studiata una variante a manovella che sostituirà l’energia manuale a quella elettrica. La tabella di marcia dell’Olpc prevede che i portatili verranno messi in circolazione tra la fine dell’anno e l’inizio del 2007.

Gates, che era apparso come uomo dell’anno sulla copertina di Time per la sua attività filantropica, ora si scaglia contro un progetto per i paesi poveri? In effetti c’era un piccolo dettaglio da aggiungere: il convegno che ha ospitato le dichiarazioni di fuoco del patron di Microsoft è servito a presentare due nuove creature dell’azienda. Inutile dire che si tratta anche in questo caso di due strumenti low cost da “soli” 599 e 999 dollari.

Il piffero di montagna..

13 Marzo 2006 Commenti chiusi

dal blog di Grillo di oggi

http://www.beppegrillo.it/

**************************************************

Piero Ricca, il giornalista che urlò ?Puffone? all?elefantino nel Palazzo di Giustizia di Milano, e che per questo fu condannato, ha fatto un?incursione ad una conferenza di Fassino.
Piero Fassino parla di priorità del lavoro, della centralità del lavoro, dell?importanza del lavoro, insomma del lavoro.
Ricca lo interrompe, gli urla se ha intenzione di mettere mano alla legge sul conflitto di interessi per non consentire più a nessuno di essere eletto e di governare grazie alle televisioni.
La risposta di Fassino: ?la legge sul conflitto di interessi non dà lavoro a nessuno? e ?vanno definite quali sono le priorità di chi vuole governare questo Paese?.
Ricca aggiunge: ?Cinque anni e non l?avete fatta (la legge sul conflitto di interessi), Berlusconi è al Governo anche grazie a voi?.

Con una legge sul conflitto di interessi, senza le televisioni ad personam, questo governo non sarebbe durato sei mesi. Invece è durato cinque anni.
Ma questa non è la priorità dei Ds, come già affermò a suo tempo D?Alema, per loro Mediaset è una risorsa del Paese.
Ma questi di chi fanno gli interessi?
Dei loro elettori o dell?elefantino?
Senza libera informazione non c?è democrazia, non è possibile attuare nessun programma di governo, non è possibile stabilire alcuna vera priorità.
Senza libera informazione abbiamo però avuto Fazio, Consorte, l?appoggio sconsiderato alla Tav in Val di Susa.
Del resto è nella loro natura, al punto di non ritorno tirano sempre dritto.

Berlusconi Just Loves Berlusconi dal Los Angeles Times

13 Marzo 2006 1 commento

http://www.latimes.com/news/nationworld/world/la-fg-ego13mar13,0,1463891.story?coll=la-home-headlines

fate un giro sul sito del Los Angeles Times per vedere anche la foto che compare sotto la scritta “megalomaniac”..
chissà come reagirà (voglio vedere come farà a dire che la stampa californiana è in mano ai komunisti..) quando scoprirà che lo hanno definito …..
” Berlusconi, whose hair seems to grow thicker and darker by the day, has acknowledged having face-lifts. A short man pushing 70, he often wears makeup and heels and sports a George Hamilton tan ”

e poi, a proposito del conflitto di interessi

The media holdings, especially, represent a conflict of interest that has been widely condemned by European Union monitoring agencies. The concentration of ownership has also restricted media to the point that Reporters Without Borders ranked Italy as the worst country in Western Europe for press freedoms.

non facciamo una bella figura come Paese….
per fortuna una figura peggiore la fanno gli elettori dello short man … who often wears makeup and heels ( che, per inciso, si traduce “uomo piccolo che spesso si trucca e mette i tacchi”…ndr)
altro che Luxuria…

***************************************************************************
Berlusconi Just Loves Berlusconi

Seeking reelection, Italy’s leader is flooding the airwaves on stations he owns. Despite gaffes, legal woes and egotism, he just might win again.
By Tracy Wilkinson, Times Staff Writer
March 13, 2006

ROME ? One day he likens himself to Napoleon. A few days later, it’s none other than Jesus Christ.

The irrepressible Silvio Berlusconi, surgically enhanced prime minister and Italy’s richest man, is running for reelection. And despite a record of embarrassing public gaffes, disastrous economic performance and unpopular foreign policies, he stands a decent chance of winning.

Berlusconi is leading a center-right coalition of parties into the April 9-10 vote against a center-left alliance headed by Romano Prodi, an ex-prime minister and a former European Commission president. Polls have fairly consistently given Prodi a four-point lead, but experts caution that the race is too close to call, especially given Berlusconi’s ability to dominate the media ? a large portion of which he and his family own.

In a campaign that has largely avoided pressing issues, Berlusconi managed to win what amounted to an endorsement from President Bush and a rare opportunity to speak before the U.S. Congress early this month. Although Bush is unpopular in Italy, Berlusconi has used his friendship with the president to prove his importance on the world stage.

And many Italians buy it. They laugh at him, or roll their eyes, but they also, begrudgingly or not, admire his successes. He has managed to portray his many legal troubles, including calls Friday for yet another indictment, as a plot by communist judges and prosecutors out to get him. Even his embarrassing comments he later blames on leftist journalists out to get him.

“He’s a megalomaniac,” said supporter Giuliano Ferrara, editor of the Il Foglio newspaper, which is partly owned by the Berlusconi empire. “But he’s also a great victimist. He knows how to act like a victim.”

Berlusconi, whose hair seems to grow thicker and darker by the day, has acknowledged having face-lifts. A short man pushing 70, he often wears makeup and heels and sports a George Hamilton tan. He is known for making poor-taste jokes that often insult or embarrass world leaders and for grabbing headlines with comments such as saying he would abstain from sex until the election and promising to sail to Tahiti if he lost. A former cruise ship singer married to an ex-actress, he plans to release a new CD of his songs ahead of the election.

“I am the Jesus Christ of politics,” he told supporters over a dinner late last month.

“I am a patient victim, I put up with everyone, I sacrifice myself for everyone.”

And a few days before that, on a TV talk show: “We have worked a lot. Only Napoleon did more than me ? but I am certainly taller than him.”

More to the point, Berlusconi has weathered the kinds of legal storms that could easily terminate the average political career. The target of numerous corruption investigations, he stood trial while in office on bribery charges involving an old business deal. He is currently fending off allegations that he bribed a British lawyer ? the husband of a British Cabinet minister ? to lie on his behalf in yet another trial. On Friday, prosecutors in Milan said they were seeking an indictment in the case.

Berlusconi and his family own or control most of Italy’s broadcast media and several newspapers, as well as insurance companies, the country’s largest publishing house and a premier soccer team.

The media holdings, especially, represent a conflict of interest that has been widely condemned by European Union monitoring agencies. The concentration of ownership has also restricted media to the point that Reporters Without Borders ranked Italy as the worst country in Western Europe for press freedoms.

In the first two months of this year, Berlusconi appeared on TV and radio programs morning, noon and night. In one three-week period, Berlusconi appeared on television for more than five hours, compared with about 20 minutes for Prodi, according to a public relations firm that monitors broadcasts. Often the prime minister was the sole guest on a chat show on a station he owned, in which a fawning host asked puff questions.

Berlusconi has mastered the Italian goal of maintaining the bella figura ? looking good ? while converting politics into entertainment, complete with the buxom blond showgirls that he famously introduced on his television stations.

“In a post-ideological age, what Mr. Berlusconi is selling is Mr. Berlusconi, not a party or program,” said Alexander Stille, a journalism professor at Columbia University who has written several books on Italy, including the forthcoming “The Sack of Rome” about Berlusconi.

“The bedrock of Mr. Berlusconi’s electorate has little interest in politics, reads little or not at all and watches a lot of television,” Stille said in a column printed in London’s Financial Times and Rome’s La Repubblica. “The more they watch, the more likely they are to vote for Berlusconi.”

Election regulations that require equal time on the airwaves for candidates kicked in when Parliament was dissolved last month and the campaign officially commenced. That came only after Berlusconi had persuaded President Carlo Azeglio Ciampi to delay dissolving the legislature by two weeks.

With those two weeks, Berlusconi gained more unfettered air time. He also won time to pass legislation that his critics say benefited him and his interests. Berlusconi has long been accused of using Parliament, which his coalition dominates, as a personal fiefdom.

In the final weeks, Berlusconi’s allies pushed through laws that weakened prosecutors who have so often challenged the prime minister, shortening the statute of limitations on white-collar crimes and limiting the ability of prosecutors to appeal sentences they judge as too lenient.

In December, his coalition passed a highly complicated change to electoral law, reintroducing proportional representation, which would limit the damage if the bloc fared poorly in the election. It was proposed at a time polls predicted Berlusconi would lose.

Berlusconi, elected in 2001, is the first Italian prime minister to finish a full five-year mandate since World War II, a tumultuous period of revolving-door governments. He rose to political power by stepping into the void left by a blitz of corruption scandals and aggressive prosecutions in the 1990s.

One result today, says Ferrara, is a rather upside-down electoral dynamic. Berlusconi, whom Forbes magazine rates as one of the world’s most powerful billionaires, successfully casts himself as an anti-intellectual populist. Much of the center-left opposition, on the other hand, is seen as elitist and establishment ? and dull. Its ranks contain many of the same old faces, including Prodi, from the remnants of traditional parties, ranging from reformed Communists to conservative Christian Democrats. Berlusconi, on the other hand, created a new party called Forza Italia, or Go Italy, a name reminiscent of a soccer-stadium cheer.

Against popular opinion, Berlusconi sent nearly 3,000 troops to Iraq to assist the U.S.-led military effort. He now promises to bring them home by year’s end. He is also promising an assortment of gifts to voters, including free services and enhanced pensions to senior citizens, who make up a third of the electorate.

How he would pay for these perks is not clear. Italy fell into a recession last year, registering little or no economic growth in the last five years, and has a budget deficit ballooning beyond permitted EU standards.

Berlusconi shrugs off any setbacks. Asked recently if his nation’s troubles might not spell defeat for him, he responded no. All great statesmen, he said, needed more than five years in office. Like Britain’s Margaret Thatcher and Germany’s Helmut Kohl, he said, he deserved 15 years in power to achieve his goals.