Archivio

Archivio Novembre 2005

U.S. Military Covertly Pays to Run Stories in Iraqi Press

30 Novembre 2005 Commenti chiusi

http://www.latimes.com/news/nationworld/world/la-fg-infowar30nov30,0,5638790.story?coll=la-home-headlines

THE CONFLICT IN IRAQ
U.S. Military Covertly Pays to Run Stories in Iraqi Press
# Troops write articles presented as news reports. Some officers object to the practice.

By Mark Mazzetti and Borzou Daragahi, Times Staff Writers

WASHINGTON ? As part of an information offensive in Iraq, the U.S. military is secretly paying Iraqi newspapers to publish stories written by American troops in an effort to burnish the image of the U.S. mission in Iraq.

The articles, written by U.S. military “information operations” troops, are translated into Arabic and placed in Baghdad newspapers with the help of a defense contractor, according to U.S. military officials and documents obtained by the Los Angeles Times.

ADVERTISEMENT
Many of the articles are presented in the Iraqi press as unbiased news accounts written and reported by independent journalists. The stories trumpet the work of U.S. and Iraqi troops, denounce insurgents and tout U.S.-led efforts to rebuild the country.

Though the articles are basically factual, they present only one side of events and omit information that might reflect poorly on the U.S. or Iraqi governments, officials said. Records and interviews indicate that the U.S. has paid Iraqi newspapers to run dozens of such articles, with headlines such as “Iraqis Insist on Living Despite Terrorism,” since the effort began this year.

The operation is designed to mask any connection with the U.S. military. The Pentagon has a contract with a small Washington-based firm called Lincoln Group, which helps translate and place the stories. The Lincoln Group’s Iraqi staff, or its subcontractors, sometimes pose as freelance reporters or advertising executives when they deliver the stories to Baghdad media outlets.

The military’s effort to disseminate propaganda in the Iraqi media is taking place even as U.S. officials are pledging to promote democratic principles, political transparency and freedom of speech in a country emerging from decades of dictatorship and corruption.

It comes as the State Department is training Iraqi reporters in basic journalism skills and Western media ethics, including one workshop titled “The Role of Press in a Democratic Society.” Standards vary widely at Iraqi newspapers, many of which are shoestring operations.

Underscoring the importance U.S. officials place on development of a Western-style media, Defense Secretary Donald H. Rumsfeld on Tuesday cited the proliferation of news organizations in Iraq as one of the country’s great successes since the ouster of President Saddam Hussein. The hundreds of newspapers, television stations and other “free media” offer a “relief valve” for the Iraqi public to debate the issues of their burgeoning democracy, Rumsfeld said.

The military’s information operations campaign has sparked a backlash among some senior military officers in Iraq and at the Pentagon who argue that attempts to subvert the news media could destroy the U.S. military’s credibility in other nations and with the American public.

“Here we are trying to create the principles of democracy in Iraq. Every speech we give in that country is about democracy. And we’re breaking all the first principles of democracy when we’re doing it,” said a senior Pentagon official who opposes the practice of planting stories in the Iraqi media.

The arrangement with Lincoln Group is evidence of how far the Pentagon has moved to blur the traditional boundaries between military public affairs ? the dissemination of factual information to the media ? and psychological and information operations, which use propaganda and sometimes misleading information to advance the objectives of a military campaign.

The Bush administration has come under criticism for distributing video and news stories in the United States without identifying the federal government as their source and for paying American journalists to promote administration policies, practices the Government Accountability Office has labeled “covert propaganda.”

Military officials familiar with the effort in Iraq said much of it was being directed by the “Information Operations Task Force” in Baghdad, part of the multinational corps headquarters commanded by Army Lt. Gen. John R. Vines. The officials spoke on condition of anonymity because they were critical of the effort and were not authorized to speak publicly about it.

A spokesman for Vines declined to comment for this article. A Lincoln Group spokesman also declined to comment.

One of the military officials said that, as part of a psychological operations campaign that has intensified over the last year, the task force also had purchased an Iraqi newspaper and taken control of a radio station, and was using them to channel pro-American messages to the Iraqi public. Neither is identified as a military mouthpiece.

The official would not disclose which newspaper and radio station are under U.S. control, saying that naming them would put their employees at risk of insurgent attacks.

U.S. law forbids the military from carrying out psychological operations or planting propaganda through American media outlets. Yet several officials said that given the globalization of media driven by the Internet and the 24-hour news cycle, the Pentagon’s efforts were carried out with the knowledge that coverage in the foreign press inevitably “bleeds” into the Western media and influences coverage in U.S. news outlets.

“There is no longer any way to separate foreign media from domestic media. Those neat lines don’t exist anymore,” said one private contractor who does information operations work for the Pentagon.

Daniel Kuehl, an information operations expert at National Defense University at Ft. McNair in Washington, said that he did not believe that planting stories in Iraqi media was wrong. But he questioned whether the practice would help turn the Iraqi public against the insurgency.

“I don’t think that there’s anything evil or morally wrong with it,” he said. “I just question whether it’s effective.”

continue

POLLI ITALIANI "SICURI"?

28 Novembre 2005 Commenti chiusi

leggete e inorridite..
mi è venuto in mente …
visto che l’alimentazione dei “nostri” polli include anche una percentuale di olii dei motori di macchine usato, durante l’inverno gli daranno anche un pochino di antigelo??

vegetariano divento!!
così mi ammazzano più lentamente..
attraverso gli Ogm…

*****************************************************************

** POLLI ITALIANI “SICURI”? **

1° Articolo.

Questo articolo è datato, ma purtroppo molto attuale!
———————————–

Polli messi al forno, prima di “impazzire”
Guglielmo Donadello, consulente aziendale settore zootecnico e
agroalimentare

Che cos’è oggi il pollo da carne? Stiamo parlando di broiler.
Tutti i polli che compriamo e mangiamo, in tutto il mondo, sono oramai
solo
di un paio di razze ibride (denominate COBB 500, i cui brevetti sono in
mano
alla The Cobb Breeding Company LTD), nate nei segreti laboratori di
genetica
applicata, selezionate esclusivamente per l’ingrassaggio. Il risultato
di
queste selezioni è una vera macchina biologica ad elevatissimo “indice
di
conversione”: un broiler mangia un chilo e mezzo di mangime e ne
“produce”
uno di carne. Lo fanno vivere solo 35 giorni (non ha neanche il tempo
per
diventare pazzo). Questi polli denominati “galletti” quando arrivano a
“maturazione” pesano vivi in media sui 2,3 chili e preparati a busto
circa
1,2. Per avere queste rese così elevate e cicli biologici così
accelerati
servono allevamenti e mangimi adatti.

Come vengono allevati Si chiama allevamento integrato. Assoggettato,
cioè,
alla filiera industriale della produzione di carne, le cui principali
fasi
sono: produzione della gallina ovaiola, incubatoi delle uova,
produzione dei
pulcini, magnifici, macelli, industria di lavorazione, logistica,
commercializzazione nella rete della grande distribuzione organizzata.
Nel
nostro paese due aziende controllano oltre il 70% del mercato. Una è
l’AIA
del gruppo Veronesi e l’altra è del gruppo Amadori.
L’allevamento viene svolto in grandi capannoni dove possono stare
decine di
migliaia di volatili: con una densità di 10-15 per
metroquadro, sino a 30 chili di “carne” a mq. (I regolamenti UE per gli
allevamenti biologici stabiliscono in tre polli per metro quadrato la
densità massima ammissibile). Beccano tutto ciò che ha colore
paglierino,
giorno e notte, grazie all’illuminazione rtificiale. Le temperature
sono
sempre elevate (anche a causa della luce e delle deiezioni, che vengono
raccolte con una ruspa per la produzione della pollina, sottoprodotto
usato
come concime agricolo o combustibile; e fino a 10 anni fa come mangime
per
bovini da ingrasso).
Le condizioni igieniche sono terribili. Gli animali vivono dal primo
all’ultimo giorno della loro brevissima vita calpestando e dormendo
sulle
loro deiezioni. Le infezioni batteriologiche sono contrastate dal primo
all’ultimo giorno di vita con gli antibiotici contenuti nei mangimi; ma
per
i virus – come si sa – non ci sono farmaci. Da qui l’uso di vaccini
che,
come è noto, creano una
quantità di anticorpi che contrastano l’estrinsecazione delle
manifestazioni
patologiche del virus, ma impediscono la eradicazione dello stesso,
consentendo che animali solo apparentemente sani siano
commercializzati: con
il rischio che il virus si trasferisca dall’animale all’uomo. A questo
si
aggiunge il rumore spaventoso provocato dal pigolare di 50.000 –
100.000
animali spaventati,
tenuti in quelle condizioni.
L’organismo del broiler, che è pur sempre un animale diurno, viene
messo a
dura prova, l’apparato digerente stressato, la sua capacità di
resistenza
agli agenti patogeni fortemente indebolita. Nel territorio dove sono
inseriti, senza un minimo di criterio di biosicurezza, questi
allevamenti
sono delle vere e proprie bombe batteriologiche, pericolose e costose
per
tutta la collettività. Pericolose, in quanto incubatoi di possibili
virus
trasmissibili agli uomini, come salmonelle e influenze; costose, come
il
caso dell’ultima peste aviaria costata alla sola regione veneta 110
miliardi, e altri 500 allo stato.

Cosa mangiano
I polli dovrebbero mangiare mais, soia e fibre. Trasformano proteine
vegetali in proteine nobili. I broiler, che rappresentano il 99% dei
520
milioni di polli e dei 22 milioni di tacchini che mangiamo ogni anno,
mangiano esclusivamente mangimi industriali, prodotti in larghissima
misura
da due o tre aziende. Le formule di questi mangimi sono top secret;
possono
in questo modo metterci dentro di tutto e di più. Il mais e la soia,
che
sono i componenti principali (fino al 60/70%), sono in grandissima
parte di
importazione e di produzione transgenetica, perché costano meno.
Contrariamente alle normative per i bovini, i mangimi per pollame e
tacchini
possono contenere farine di carne e di pesce, pannelli di olio esausto,
grassi di origine animale. La vicenda di due anni fa dei
polli belgi alla diossina è dovuta a un “eccesso” di PCB, ma se sta nei
limiti tollerati si può dare da mangiare ai polli anche oli esausti di
motori.
Ma i risultati migliori si ottengono con le proteine animali derivate
dalle
interiora, dalle teste, dalle zampe, dalle piume derivate dai loro
fratelli
morti in precedenza; oltre alle proteine animali acquistate dove
costano
meno (farine di sangue e di pesce). Ai polli ed ai tacchini ne vengono
somministrate una quantità fino al 30% nel tacchino, un po’ meno per il
pollo.

Cosa si ottiene
Si ottengono dei pulcinotti venduti come galletti o tacchini, con una
carne
senza gusto né qualità organolettiche, e di dubbia salubrità.
I polli così allevati se li cucini due minuti di più letteralmente si
sbriciolano, se li lasci raffreddare rilasciano il classico odore di
pesce
con cui sono stati allevati. Oggi la carne di pollo non viene offerta
da
nessun ristorante degno di questo nome, viene data solo nelle mense
delle
fabbriche, delle scuole o per le mense delle famiglie sotto i due
milioni al
mese.
Per i tacchini è ancora peggio: la carne è letteralmente immangiabile.
Amadori la tritura, aggiunge un po’ di manzo e propone in questi giorni
con
la pubblicità i rotoloni di carne “per una buona domenica da passare in
famiglia”.
Questi rotoli sono fatti con la carne di tacchini con aggiunta di carne
di
manzo e – come si dice in gergo – con la giusta quantità di
aromatizzanti.
Nessuno, ad esclusione dei pochi NAS, protegge i consumatori. Nessuno
controlla, e i nostri 7000 veterinari pubblici, come da precise
istruzioni,
guardano, registrano, e alla fine non possono fare altro.

—————————-
Per conferma,

2° Articolo

Altro che polli asiatici! Tutta la verità su quelli italiani Paola
Magni e
Claudio Vigolo – tratto da www.lifegate.it

Ai microfoni di LifeGate Radio, il Dottor Enrico Moriconi, Presidente
dell’Associazione Culturale Veterinari di Salute Pubblica, ha risposto
a
questa e altre domande
Quali sono le condizioni igieniche negli allevamenti italiani?
Le condizioni sono critiche. Siamo in situazione di sovraffollamento.
Gli
animali vengono tenuti per tutto il periodo della loro vita sulla
stessa
lettiera, respirano l’ammoniaca che si libera dagli escrementi che loro
producono. Hanno uno stato di stress continuo, che deve essere corretto
-
anche se gli allevatori smentiscono – con la somministrazione di
farmaci.

Recenti analisi di laboratorio commissionate da Lav e Il Salvagente
hanno
evidenziato la presenza di residui di antibiotici in 4 polli italiani
su 10S
Perché vengono somministrati gli antibiotici e con che frequenza?
Gli antibiotici sono la base dell’allevamento intensivo: gli
allevamenti
intensivi sono storicamente nati nel momento in cui sono stati
disponibili grandi quantità di antibiotici.
Questi farmaci rendono possibile l’allevamento, altrimenti lo stress,
il
sovraffollamento, le carenti condizioni igieniche farebbero scoppiare
delle
malattie. Questi farmaci aumentano la crescita degli animali e
contemporaneamente li proteggono da alcune malattie. Nel caso dei virus
non
servono. Il fatto che l’antibiotico sia somministrato
continuativamente,
nonostante sia ammesso farlo solo in caso di terapia, è facilmente
dimostrabile. Qualche anno fa, ad esempio, ci fu lo scandalo in Gran
Bretagna dei polli che venivano rietichettati e venduti anche un mese
dopo
la reale scadenza. Ebbene, questo fu possibile proprio perché i polli
sono
pieni di
sostanze chimiche che non li fanno “marcire”.
Cosa mangiano i polli italiani negli allevamenti intensivi?
Il mangime è principalmente costituito da mais e altri cereali. In più
vi
sono degli integratori a base di sostanze grasse per favorire la
crescita.
Anche l’olio esausto, l’olio dai motori delle macchine usato, è ammesso
nella dieta dei polli Italiani, che sono considerati come dei “grandi
riciclatori”. Molti sottoprodotti sono quindi permessi. Per quanto
riguarda
mais e soia ogm nei mangimi, non c’è obbligo di etichettatura poi nel
pollo.
Bisogna dire che chi mangia carne ha una forte possibilità di mangiare
proteine geneticamente modificate, proprio perché negli allevamenti non
biologici l’uso di mangimi geneticamente modificati è permesso.

Illuminazione artificiale che li tiene 24 ore su 24 alla luce e densità
di
15-20 polli per metro quadro. Animali così stressati saranno anche più
deboli. L’illuminazione artificiale tende a creare un’atmosfera
uniformemente “grigiastra” , perché se ci fosse troppa luce sarebbero
acuiti
i fenomeni di cannibalismo. In queste condizioni la mortalità degli
animali
è comunque alta, ma il loro valore commerciale è così basso da non
preoccupare particolarmente l’allevatore.

Parlare degli allevamenti intensivi italiani come di “bombe
batteriologiche”
è esagerato?
Le definirei piuttosto “bombe ecologiche”: al problema della presenza
di
batteri si somma il problema delle deiezioni da smaltire, e quindi
dell’eutrofizzazione delle acque e della presenza di nitrati nelle
falde
acquifere.

Quale strada intraprendere per migliorare la qualità degli allevamenti
e
prevenire così epidemie come l’influenza aviaria?
Bisognerebbe mangiare meno carne o addirittura smettere di mangiarne.
Questa
risposta può sembrare un po’ estrema ma rende bene l’idea di come per
migliorare il benessere – anche di quelli che vogliono mangiare la
carne-
sia indispensabile per tutti noi abbassarne i consumi.

Paola Magni e Claudio Vigolo
Fonte: www.disinformazione.it

===================================
====================================
Gli arretrati di NATURMEDICA, salute&natura si possono trovare nel
sito,
http://www.naturmedica.com , clicca il pulsante ARCHIVIO.

=====================================

AVVERTENZA: Le informazioni contenute in Naturmedica sono fornite solo
a
scopo educativo. Non si intende fornire suggerimenti per diagnosi o
trattamento di malattie. In caso di bisogno consultare il proprio
medico.
—————————————-
Se vuoi comunicare con noi per commenti, critiche oppure
vorresti veder pubblicato un tuo articolo, clicca l’indirizzo:

mailto:naturmedica@naturmedica.com
saremo felici di pubblicare scritti di interesse generale.

——
Per iscriverti, spedire un’ email bianca a:
naturmedica-on@mail-list.com
Per cancellarti, spedire un’ email bianca a:
naturmedica-off@mail-list.com
Per cambiare indirizzo email, spedire un’email a:
naturmedica-change@mail-list.com
con il tuo vecchio indirizzo nel campo Oggetto:

SALVIAMO LA LEGGE SUI BENI CONFISCATI ALLE MAFIE!!

28 Novembre 2005 1 commento

http://www.libera.it/index.asp?idpagine=544

++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++
tanto per cambiare stanno inventandosi una leggina che può solo far del male..
vediamo come va a finire con questa…
( letto su beppegrillo.it )

SALVIAMO LA LEGGE SUI BENI CONFISCATI ALLE MAFIE!!

La legge Rognoni – La Torre, che consente da oltre vent?anni di aggredire le ricchezze accumulate dalle mafie nel nostro Paese, è in pericolo. Rischia di essere approvato dal Parlamento, infatti, un disegno di legge che tra i molti aspetti discutibili prevede la possibilità di revisione, senza limiti di tempo e su richiesta di chiunque sia titolare di un ?interesse giuridicamente riconosciuto?, dei provvedimenti definitivi di confisca. In nome di un malinteso garantismo, insomma, si compromettono definitivamente il lavoro e l?impegno di quanti, dalle forze dell?ordine alla magistratura, dalle associazioni alle cooperative sociali, sono oggi impegnati nella difficilissima opera di individuazione e riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie. Nessun provvedimento di confisca, di fatto, sarà mai definitivo. Nessuna assegnazione di beni confiscati avrà un futuro certo. Altri avrebbero potuto essere gli strumenti con cui risarcire, anche dal punto di vista economico, eventuali vittime di errori giudiziari, sempre possibili, nell?iter che va dal sequestro preventivo dei beni alla loro definitiva confisca. Se dovesse essere approvato, invece, quanto previsto dal comma 1 lettera ?m? dell?art. 3 del disegno di legge AC 5362 recante ?Delega al Governo per il riordino della disciplina in materia di gestione e destinazione delle attività e dei beni sequestrati o confiscati ad organizzazioni criminali?, tutti i beni confiscati (dai terreni coltivati da coraggiose cooperative di giovani agli immobili trasformati in sedi di servizi sociali o in caserme delle forze dell?ordine, solo per fare alcuni esempi) finirebbero in un limbo di assoluta incertezza. Ovvero esattamente il contrario di quanto sarebbe necessario oggi. Le mafie, infatti, hanno da tempo affinato i meccanismi con cui riciclano i proventi delle loro attività illecite e nel nostro Paese si registra, negli ultimi anni, una consistente flessione del numero di beni confiscati. Una situazione che richiede normative efficaci e scelte concrete in grado di far crescere la fiducia di chi è impegnato ogni giorno nella lotta alle mafie. E? per queste ragioni che l?associazione Libera (che raccoglie più di 1200 associazioni nazionali e locali, scuole, cooperative) e i sottoscritti familiari delle vittime delle mafie, attraverso questo appello, chiedono un serio e approfondito ripensamento, in sede di dibattito parlamentare, del disegno di legge delega AC 5362, soprattutto per quanto riguarda la possibilità di revisione dei provvedimenti definitivi di confisca, affinchè deputati e senatori di tutte le forze politiche sappiano trovare la giusta misura, il corretto equilibrio tra la tutela dei diritti di chi subisce i provvedimenti di confisca dei beni e la necessità di sottrarre alle organizzazioni mafiose gli immensi patrimoni che accumulano ogni anno, nell?illegalità e nel sangue. Trasformando questi beni, come sta avvenendo faticosamente oggi, in segni tangibili di legalità e giustizia.

Per aderire all?appello:

email: libera@libera.it

Dario Fo sindaco di Milano

26 Novembre 2005 Commenti chiusi

http://www.beppegrillo.it/

dal blog di Grillo

*********************************************************

Oggi ho deciso di pubblicare la lettera di un premio Nobel, di Dario Fo che si è candidato come sindaco di Milano.
Io mi schiero con lui, un uomo onesto, intelligente e, anche se ha una certa età, con idee nuove sulla mobilità, sull’energia, sull’integrazione, sull’inquinamento.
Dario è un uomo che ci invidia tutto il mondo, per migliorare Milano è perfetto.

“Cari amici,

sono Dario Fo e vengo a dirvi che in un attimo di follia mi sono buttato in questa avventura: concorro alle primarie per essere scelto come sindaco di Milano, insieme ad altri tre candidati.

Da tempo mi sono reso conto che la situazione fisica e umana di Milano è a dir poco tragica.
Qualcuno in seguito al mio gesto mi ha quasi aggredito, chiedendomi: ?Ma chi te lo fa fare? Dove vuoi arrivare? Che t?importa di diventar sindaco? Sei un uomo che ha goduto di tutte le fortune: le tue opere sono rappresentate in tutto il mondo, hai ricevuto riconoscimenti straordinari, sei pure Nobel? ma che vuoi ancora!??.

E io rispondo: ?Voglio vedere la mia città un po? più civile, un po? più vivibile, meno caotica, con una periferia meno triste, anzi disperata.

Non posso soffrire il proliferare di furbi e incoscienti che pensano solo a far cassa, svendendo palazzi e beni del Comune, comprese l?aria, l?acqua e la terra. Per questo mi sono buttato e mi sto dando da fare come un pazzo.?

Qualche giorno fa c?è stata una grande manifestazione con migliaia di ragazzi delle scuole che protestavano contro i tagli imposti dal Ministro dell?Istruzione, Letizia Moratti, e contro il progetto che li vuole selezionati in cittadini di prima, seconda e terza categoria. Sono andato in mezzo a quei giovani vocianti e giustamente incazzati.
Speravo di trovarci anche il mio antagonista maggiore, l?ex prefetto Bruno Ferrante, ma non c?era.
Ho pensato: ?Forse teme le intemperanze dei ragazzi.?

Il giorno appresso mi sono trovato al quartiere Isola fra una folla di cittadini che manifestavano contro le speculazioni edilizie che il Comune sta realizzando in quella zona dove ha in programma di distruggere un parco dal nome poetico, il Bosco di Gioia, abbattendo ogni pianta per farci crescere palazzi enormi e grattacieli.
Ho cercato il mio antagonista appoggiato dai Ds e dalla Margherita? ma lui non c?era.

Mi dicono che è stato visto in un palazzo del centro a conversare con grandi imprenditori del mattone e della calce.

Qualche giorno dopo dei compagni hanno chiamato me e Franca perché ci recassimo subito in Via Lecco, dove dei rifugiati politici, fuggiti da Eritrea, Somalia, Sudan, disperati hanno occupato un palazzo abbandonato da sedici anni. Il Comune ha in progetto di buttarli fuori all?immediata. Anche il mio concorrente Ferrante è stato chiamato per offrire la propria solidarietà a quei 273 diseredati.
Ma lui non c?era. Ha dichiarato che non sarebbe venuto a parlare coi rifugiati politici. E ha aggiunto: ?Non è così che si risolvono i problemi. Quel palazzo è di privati, l?occupazione è illegale.?

Ma se c?è qualcuno che è illegale è lo stato e il comune, che non permettono loro, pur avendo il permesso di soggiorno di ottenere un lavoro, una casa e una dignità. Pure il contributo mensile di 400 euro è stato loro da mesi sospeso.

Accidenti! Ma quando riuscirò a vedere il mio antagonista, o almeno qualcuno dei Ds e della Margherita che lo sostengono?!
Al Comune sta passando il progetto per la costruzione di altri grattacieli alla vecchia fiera? un disastro per la popolazione che abita intorno. Il quartiere si ribella al progetto e ha indetto una riunione pubblica per discutere della situazione grave alla quale era invitato anche Ferrante. Io ci vado, ma Ferrante non c?è.

Dov?è Ferrante?

Ieri hanno deciso di vendere a privati, un enorme antico palazzo di proprietà comunale, già casa popolare, invece di restituirlo ai legittimi inquilini che lo abitavano prima della ristrutturazione durata 20 anni, e che oggi vivono in abitazioni fatiscenti.

Bisogna protestare, muoversi: Ferrante vieni anche tu? Ferranteeee!? Non mi risponde?
Finisce che mi toccherà andarci da solo.”

Dario Fo

commento al survey dell’Economist di Severgnini

25 Novembre 2005 Commenti chiusi

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Economia/2005/11_Novembre/25/severgnini.shtml

Il commento
Un giornale senza pregiudizi che non farà sconti a nessuno

Se sapete l’inglese, e volete arrabbiarvi, leggete il «survey» dell’Economist sull’Italia, che esce oggi. Vi arrabbierete se siete patriottici, perché il giudizio sullo stato di salute del Paese è impietoso. Vi arrabbierete se siete critici con l’Italia, perché troverete confermati i vostri peggiori sospetti. Vi arrabbierete se siete di centrodestra, perché Silvio Berlusconi e il suo lungo governo escono con le ossa rotte. Vi arrabbierete se siete di centrosinistra, perché una vittoria dell’Unione nel 2006 non viene giudicata una panacea. Anzi.
Copio, incollo e traduco: «Anche se vince, Mr Prodi troverà difficile introdurre le riforme di cui l’Italia ha bisogno ? anche perché la sua coalizione abbraccia non meno di nove partiti, parecchi dei quali saranno d’ostacolo al cambiamento». Qualche pagina dopo: «In verità, nessuno dei due maggiori raggruppamenti della politica italiana offre molte speranze a quanti sono convinti che il Paese abbia bisogno di radicali (e dolorose) riforme».
Che dire? Questo, forse. La migliore stampa estera non fa politica in Italia: la guarda (e poi, di solito, scuote la testa). I nostri rappresentanti sostengono il contrario, e liquidano le opinioni dei giornalisti stranieri come irrilevanti e faziose. Salvo poi usare commenti, articoli, paragrafi e singole affermazioni per colpire l’avversario.
Ecco perché questo «survey» non piacerà a nessuno: perché non si presta a essere usato selettivamente. La dirigenza politica ? tutta quanta ? viene descritta rassegnata o complice. Queste le parole del primo sommario: «Con tutte le sue attrattive, l’Italia è avviata verso lungo, lento declino. Invertire questa tendenza richiede più coraggio di quanto ne abbiano i leader attuali».
I «surveys» sono gli unici pezzi dell’Economist a essere firmati. All’Italia si sono dedicati John Andrews (1993), Matthew Bishop (1997), Xan Smiley (2001) e ? quest’anno ? John Peet. Prima, durante e dopo i miei di corrispondenza dall’Italia per il settimanale, ho cercato di dar loro una mano. Vi posso assicurare che quei colleghi arrivano senza tesi predefinite ? anche se alcuni, in Italia, sono convinti del contrario ? e ripartono dopo un paio di mesi con lo stesso preoccupato giudizio: il Paese ha grande possibilità, ma scarse prospettive, a meno che accetti cambiamenti radicali e dolorosi. Ma, come sappiamo, non ne ha alcuna intenzione.
L’opinione sui due leader che s’affronteranno nel 2006 non è più incoraggiante. Silvio Berlusconi, giudicato «inadatto a guidare l’Italia» in una celebre copertina del 2001, resta, agli occhi dell’Economist, inadatto, e per di più irresponsabile: «Quando un primo ministro attacca i magistrati del suo Paese come cospiratori di sinistra, approva leggi che aiutano i suoi interessi e concede ripetuti condoni a persone che evadono le tasse e ignorano le norme urbanistiche, manda un messaggio al cittadino medio: fregatene delle regole».
E Romano Prodi? Il giudizio è meno duro, ma non trasuda ottimismo: «L’attuale opposizione rappresenterebbe un miglioramento? Di certo incoraggerebbe la gente a essere più rispettosa della legge, sebbene anche Mr Prodi sia stato sfiorato dagli scandali. Certo c’è qualcosa di scoraggiante nel fatto che gli italiani in aprile si ritroveranno la stessa scelta di dieci anni prima, tra due candidati che hanno quasi settant’anni. Mr Prodi dice molte cose giuste sulla necessità di introdurre concorrenza e liberalizzazione, ma è dura chiamarlo un liberale e un riformista. Oltretutto, come Mr Berlusconi, sarà ostaggio di altri partiti della sua coalizione».
Conclusione del «survey»: «Nel breve periodo ci sono buone ragioni per essere ansiosi per l’Italia». Vien da dire: se si preoccupa l’Economist, che è inglese, figuriamoci noi.

sulla laguna di Venezia faida delle conchiglie

20 Novembre 2005 Commenti chiusi

http://www.lemonde.fr/cgi-bin/ACHATS/922546.html?offre=ARCHIVES&type_item=ART_ARCH_30J&objet_id=922546

articolo comparso su le Monde

ma come mai queste notizie fanno il giro dei giornali stranieri e da noi non se ne parla?
mi è capitato più di una volta di scoprire cose italiche su giornali francesi o inglesi che da noi non comprivano su nessun periodico.
in questo caso si riporta la notizia di un’omicidio avvenuto sul molo del porto di Chioggia, visto all’interno di una lotta decennale per la conquista di spazi dove pescare le vongole(??).
Claudio Carisi è stato accoltellato mortalmente da Derri Perini il 5 novembre.
la vittima è stato raggiunta dal suo assassino poco dopo essere uscìta dalla locale stazione dei Carabinieri dove aveva appena denunciato che la notizia che un’importante quantitativo di vongole, pescate in una zona vietata e destinata al mercato nero, era stata “coperta” dalle autorità della provincia di Venezia a favore di alcune cooperative di pescatori…

la mafia della vongola in Laguna??
e poi??
mah…

*****************************************************************+++

Sur la lagune de Venise, on s’entre-tue pour des coquillages
Extrait : C’est un nouvel épisode de la guerre des vongole, ces coquillages pour lesquels on s’entre-tue depuis des décennies sur la lagune. Un pêcheur de coques, Claudio Carisi, 41 ans, a été mortellement frappé d’un coup de couteau par l’un de ses concurrents, Derri Perini, 50 ans, sur un quai du port de Chioggia, près de Venise, le 5 novembre. L’enquête a montré qu’il ne s’agissait pas d’une simple altercation. La victime sortait de chez les carabiniers, où elle venait de dénoncer une sombre magouille : une importante pêche de vongole, réalisée dans une zone interdite et destinée au marché noir, aurait été couverte par les autorités de la province de Venise au profit de certaines coopératives de pêcheurs.

Mario Segni sulla legge elettorale. dal blog di Grillo

15 Novembre 2005 Commenti chiusi

dal blog di Grillo

http://www.beppegrillo.it

Pubblico una lettera di Mario Segni sulla legge elettorale.

?Sono Mario Segni, quello che ha perso il biglietto della lotteria. L?uomo che aveva l?Italia in mano, come mi è stato detto molte volte. Ho cercato di spiegare che avevo perso le elezioni, non la lotteria, perché nel ’94 ero candidato contro Berlusconi e lui prese molti più voti di me. Ma sono rimasto quello che ha perso la lotteria.

Pazienza, un po? mi dispiace. Ma non più di tanto, perché so che la vera lotteria erano i referendum e che con quelli abbiamo cambiato il sistema politico, cosa successa nel secolo scorso solo a De Gaulle, in Francia nel ?58. Il fatto che, senza alcuna carica, sia stato il promotore di tutto questo mi rende orgoglioso.

Adesso il biglietto della lotteria lo stanno rubando davvero. Ma non a me, a tutti noi. Con il primo referendum abbiamo mandato a casa Craxi e un bel po? di politici. Con il secondo referendum, quello sul maggioritario, ci siamo conquistati il diritto di scegliere direttamente sindaco, presidente della Provincia e della Regione. Con il governo il diritto ce lo siamo conquistato a metà. Nel 94 abbiamo scelto Berlusconi e Bossi l?ha mandato via. Nel 96 abbiamo scelto Prodi e i suoi amici l?hanno sbattuto via. Nel 2001 ha vinto Berlusconi ed è rimasto in carica sino alla fine.
In fondo questo è il nocciolo della democrazia. Ma ce lo stanno sfilando di mano. Oggi ci assicurano che tutto rimarrà come prima, che il governo continuerà a sceglierlo il cittadino: tutte balle!

Mastella chiederà il voto non per sostenere Prodi, ma per farlo fuori al più presto. Bertinotti condizionerà il suo appoggio a chissà quale diavoleria. L?UDC chiederà di essere votata proprio perché non vuole Berlusconi. Il giorno dopo le elezioni la vera conta non sarà tra chi ha votato Berlusconi e chi ha votato Prodi, ma tra quelli che hanno votato il vincitore per farlo durare e chi l?ha votato per farlo fuori alla prima imboscata.

Andreotti dirà che non è un gran male, che siamo vissuti quarant?anni fra governi balneari, convergenze parallele, pani per due forni. Ma a un certo punto abbiamo deciso di cambiare, di diventare un po? americani, inglesi, francesi, di poter scegliere un governo e dopo cinque anni toglierci il gusto di mandarlo a casa. Di avere un governo forte, che potesse fare anche una politica per il domani, per i giovani, con quelle misure dure necessarie, ma impopolari che solo un governo stabile può prendere.

Questo diritto ce lo siamo conquistato con i referendum del ’91 e del ’93. Ce lo stanno scippando.
Che cosa si può fare? Non molto, purtroppo. Ma una cosa gli italiani la potrebbero fare tutti assieme: arrabbiarsi, indignarsi. Ho usato un termine che non va bene: indignarsi.
I giornali dicono che indignarsi è un male, fa danno. E allora usiamo la parola giusta: incazzarsi.
Con un?Italia incazzata, veramente incazzata, il Parlamento non passerebbe gli ultimi mesi a disfare un referendum invece che migliorare le condizioni di chi non arriva alla fine del mese. Forse sono ottimista. Certo è che un?Italia scippata mi rattrista. Un?Italia indifferente mi angoscia?.

Mario Segni

Man jailed for dead baby ID theft

9 Novembre 2005 Commenti chiusi

when reality is wilder then fantasy..

**********************************************************

http://edition.cnn.com/2005/WORLD/europe/11/08/uk.baby.identity.reut/index.html

Man jailed for dead baby ID theft

Tuesday, November 8, 2005 Posted: 1431 GMT (2231 HKT)

LONDON, England (Reuters) — A mystery man who assumed the identity of a dead baby over 20 years ago — a ploy made famous by the Frederick Forsyth novel “The Day of the Jackal” — was jailed for 21 months in Britain on Tuesday.

For over two decades the man who called himself Christopher Buckingham lived a relatively uneventful life, marrying and having children.

He was jailed for obtaining a passport in the name of the infant, who died in 1963, but still refuses to reveal his real identity and even his family do not know who he is.

Buckingham on occasion passed himself off as an aristocrat, Lord Buckingham, although the title had been extinct for hundreds of years, Canterbury Crown Court heard.

The secret life of the man who worked as an IT security consultant in Switzerland started to unravel in January when British immigration officers checked his passport in Calais, France.

They found it had been cancelled two years earlier after the Passport Office had discovered during a routine trawl there was an exact match with the Register of Deaths.

Immigration staff did nothing to arouse Buckingham’s suspicions, allowing him to board a ferry to the port of Dover in southeast England where he was arrested.

Among his possessions when he was arrested was a letterhead bearing the Buckingham coat of arms and a check book.

Officers said the case had caused distress to the mother of the dead infant and to Buckingham’s ex-wife and his two children.

Investigating officer Dave Spriggs from Kent Police said it was very frustrating that Buckingham’s real identity has not been discovered.

“He just sits there and says ‘I am Christopher Buckingham,’” he told reporters outside the court.

“This man has gone to jail today flatly refusing to reveal his identity to us and I believe he probably has a serious reason for not telling us who he really is.

CIA holds terror suspects in secret prisons

2 Novembre 2005 Commenti chiusi

http://www.msnbc.msn.com/id/9890829/

CIA holds terror suspects in secret prisons

Debate grows within agency about legality, morality of approach
Updated: 11:26 p.m. ET Nov. 1, 2005
The CIA has been hiding and interrogating some of its most important al Qaeda captives at a Soviet-era compound in Eastern Europe, according to U.S. and foreign officials familiar with the arrangement.
The secret facility is part of a covert prison system set up by the CIA nearly four years ago that at various times has included sites in eight countries, including Thailand, Afghanistan and several democracies in Eastern Europe, as well as a small center at the Guantanamo Bay prison in Cuba, according to current and former intelligence officials and diplomats from three continents.
The hidden global internment network is a central element in the CIA’s unconventional war on terrorism. It depends on the cooperation of foreign intelligence services, and on keeping even basic information about the system secret from the public, foreign officials and nearly all members of Congress charged with overseeing the CIA’s covert actions.
The existence and locations of the facilities — referred to as “black sites” in classified White House, CIA, Justice Department and congressional documents — are known to only a handful of officials in the United States and, usually, only to the president and a few top intelligence officers in each host country.
The CIA and the White House, citing national security concerns and the value of the program, have dissuaded Congress from demanding that the agency answer questions in open testimony about the conditions under which captives are held. Virtually nothing is known about who is kept in the facilities, what interrogation methods are employed with them, or how decisions are made about whether they should be detained or for how long.
While the Defense Department has produced volumes of public reports and testimony about its detention practices and rules after the abuse scandals at Iraq’s Abu Ghraib prison and at Guantanamo Bay, the CIA has not even acknowledged the existence of its black sites. To do so, say officials familiar with the program, could open the U.S. government to legal challenges, particularly in foreign courts, and increase the risk of political condemnation at home and abroad.
Growing concerns
But the revelations of widespread prisoner abuse in Afghanistan and Iraq by the U.S. military — which operates under published rules and transparent oversight of Congress — have increased concern among lawmakers, foreign governments and human rights groups about the opaque CIA system. Those concerns escalated last month, when Vice President Cheney and CIA Director Porter J. Goss asked Congress to exempt CIA employees from legislation already endorsed by 90 senators that would bar cruel and degrading treatment of any prisoner in U.S. custody.
Although the CIA will not acknowledge details of its system, intelligence officials defend the agency’s approach, arguing that the successful defense of the country requires that the agency be empowered to hold and interrogate suspected terrorists for as long as necessary and without restrictions imposed by the U.S. legal system or even by the military tribunals established for prisoners held at Guantanamo Bay.
The Washington Post is not publishing the names of the Eastern European countries involved in the covert program, at the request of senior U.S. officials. They argued that the disclosure might disrupt counterterrorism efforts in those countries and elsewhere and could make them targets of possible terrorist retaliation.
The secret detention system was conceived in the chaotic and anxious first months after the Sept. 11, 2001, attacks, when the working assumption was that a second strike was imminent.
Since then, the arrangement has been increasingly debated within the CIA, where considerable concern lingers about the legality, morality and practicality of holding even unrepentant terrorists in such isolation and secrecy, perhaps for the duration of their lives. Mid-level and senior CIA officers began arguing two years ago that the system was unsustainable and diverted the agency from its unique espionage mission.
“We never sat down, as far as I know, and came up with a grand strategy,” said one former senior intelligence officer who is familiar with the program but not the location of the prisons. “Everything was very reactive. That’s how you get to a situation where you pick people up, send them into a netherworld and don’t say, ‘What are we going to do with them afterwards?’ ”
It is illegal for the government to hold prisoners in such isolation in secret prisons in the United States, which is why the CIA placed them overseas, according to several former and current intelligence officials and other U.S. government officials. Legal experts and intelligence officials said that the CIA’s internment practices also would be considered illegal under the laws of several host countries, where detainees have rights to have a lawyer or to mount a defense against allegations of wrongdoing.
Host countries have signed the U.N. Convention Against Torture and Other Cruel, Inhuman or Degrading Treatment or Punishment, as has the United States. Yet CIA interrogators in the overseas sites are permitted to use the CIA’s approved “Enhanced Interrogation Techniques,” some of which are prohibited by the U.N. convention and by U.S. military law. They include tactics such as “waterboarding,” in which a prisoner is made to believe he or she is drowning.Some detainees apprehended by the CIA and transferred to foreign intelligence agencies have alleged after their release that they were tortured, although it is unclear whether CIA personnel played a role in the alleged abuse. Given the secrecy surrounding CIA detentions, such accusations have heightened concerns among foreign governments and human rights groups about CIA detention and interrogation practices.
Overseas inquiries
The contours of the CIA’s detention program have emerged in bits and pieces over the past two years. Parliaments in Canada, Italy, France, Sweden and the Netherlands have opened inquiries into alleged CIA operations that secretly captured their citizens or legal residents and transferred them to the agency’s prisons.
More than 100 suspected terrorists have been sent by the CIA into the covert system, according to current and former U.S. intelligence officials and foreign sources. This figure, a rough estimate based on information from sources who said their knowledge of the numbers was incomplete, does not include prisoners picked up in Iraq.
The detainees break down roughly into two classes, the sources said.
About 30 are considered major terrorism suspects and have been held under the highest level of secrecy at black sites financed by the CIA and managed by agency personnel, including those in Eastern Europe and elsewhere, according to current and former intelligence officers and two other U.S. government officials. Two locations in this category — in Thailand and on the grounds of the military prison at Guantanamo Bay — were closed in 2003 and 2004, respectively.
A second tier — which these sources believe includes more than 70 detainees — is a group considered less important, with less direct involvement in terrorism and having limited intelligence value. These prisoners, some of whom were originally taken to black sites, are delivered to intelligence services in Egypt, Jordan, Morocco, Afghanistan and other countries, a process sometimes known as “rendition.” While the first-tier black sites are run by CIA officers, the jails in these countries are operated by the host nations, with CIA financial assistance and, sometimes, direction.
Morocco, Egypt and Jordan have said that they do not torture detainees, although years of State Department human rights reports accuse all three of chronic prisoner abuse.
CONTINUED

chi fosse arrivato fino qui sappia che ci sono ancora 2 pagine di articolo..per evidenti problemi di spazio non ho potuto riportarle.. ma se andate al sito originale le trovate..