Archivio

Archivio Febbraio 2005

More Dutch Plan to Emigrate as Muslim Influx Tips Scales by MARLISE SIMSONS

27 Febbraio 2005 Commenti chiusi

dal NYTimes feb 27, 2005

AMSTERDAM – Paul Hiltemann had already noticed a darkening mood in the Netherlands. He runs an agency for people wanting to emigrate and his client list had surged.
But he was still taken aback in November when a Dutch filmmaker was shot and his throat was slit, execution style, on an Amsterdam street.
In the weeks that followed, Mr. Hiltemann was inundated by e-mail messages and telephone calls. “There was a big panic,” he said, “a flood of people saying they wanted to leave the country.”
Leave this stable and prosperous corner of Europe? Leave this land with its generous social benefits and ample salaries, a place of fine schools, museums, sports grounds and bicycle paths, all set in a lively democracy?
The answer, increasingly, is yes. This small nation is a magnet for immigrants, but statistics suggest there is a quickening flight of the white middle class. Dutch people pulling up roots said they felt a general pessimism about their small and crowded country and about the social tensions that had grown along with the waves of newcomers, most of them Muslims.”The Dutch are living in a kind of pressure cooker atmosphere,” Mr. Hiltemann said.
There is more than the concern about the rising complications of absorbing newcomers, now one-tenth of the population, many of them from largely Muslim countries. Many Dutch also seem bewildered that their country, run for decades on a cozy, political consensus, now seems so tense and prickly and bent on confrontation. Those leaving have been mostly lured by large English-speaking nations like Australia, New Zealand and Canada, where they say they hope to feel less constricted.
In interviews, emigrants rarely cited a fear of militant Islam as their main reason for packing their bags. But the killing of the filmmaker Theo van Gogh, a fierce critic of fundamentalist Muslims, seems to have been a catalyst.
“Our Web site got 13,000 hits in the weeks after the van Gogh killing,” said Frans Buysse, who runs an agency that handles paperwork for departing Dutch. “That’s four times the normal rate.”
Mr. van Gogh’s killing is the only one the police have attributed to an Islamic militant, but since then they have reported finding death lists by local Islamic militants with the names of six prominent politicians. The effects still reverberate. In a recent opinion poll, 35 percent of the native Dutch questioned had negative views about Islam.
There are no precise figures on the numbers now leaving. But Canadian, Australian and New Zealand diplomats here said that while immigration papers were processed in their home capitals, embassy officials here had been swamped by inquiries in recent months.
Many who settle abroad may not appear in migration statistics, like the growing contingent of retirees who flock to warmer places. But official statistics show a trend. In 1999, nearly 30,000 native Dutch moved elsewhere, according to the Central Bureau of Statistics. For 2004, the provisional figure is close to 40,000. “It’s definitely been picking up in the past five years,” said Cor Kooijmans, a demographer at the bureau.
Ruud Konings, an accountant, has just sold his comfortable home in the small town of Hilvarenbeek. In March, after a year’s worth of paperwork, the family will leave for Australia. The couple said the main reason was their fear for the welfare and security of their two teenage children.
“When I grew up, this place was spontaneous and free, but my kids cannot safely cycle home at night,” said Mr. Konings, 49. “My son just had his fifth bicycle stolen.” At school, his children and their friends feel uneasy, he added. “They’re afraid of being roughed up by the gangs of foreign kids.”
Sandy Sangen has applied to move to Norway with her husband and two school-age children. They want to buy a farm in what she calls “a safer, more peaceful place.”
Like the Sangens and Koningses, others who are moving speak of their yearning for the open spaces, the clean air, the easygoing civility they feel they have lost. Complaints include overcrowding, endless traffic jams, overregulation. Some cite a rise in antisocial behavior and a worrying new toughness and aggression both in political debates and on the streets.
Until the killing of Pim Fortuyn, a populist anti-immigration politician, in 2002 and the more recent slaying of a teacher by a student, this generation of Dutch people could not conceive of such violence in their peaceful country.
After Mr. van Gogh’s killing, angry demonstrations and fire-bombings of mosques and Muslim schools took place. In revenge, some Christian churches were attacked. Mr. Konings said he and many of his friends sensed more confrontation in the making, perhaps more violence.
“I’m a great optimist, but we’re now caught in a downward spiral, economically and socially,” he said. “We feel we can give our children a better start somewhere else.”
Marianne and Rene Aukens, from the rural town of Brunssum, had successful careers, he as director of a local bank, she as a personnel manager. But after much thought they have applied to go to New Zealand. “In my lifetime, all the villages around here have merged, almost all the green spaces have been paved over,” said Mr. Aukens, 41. “Nature is finished. There’s no more silence; you hear traffic everywhere.”
The saying that the Netherlands is “full up” has become a national mantra. It was used cautiously at first, because it had an overtone of being anti-immigrant, anti-Muslim. But many of those interviewed now state it flatly, like Peter Bles. He makes a long commute to a banking job in Amsterdam, but he and his wife are preparing to move to Australia.
“We found people are more polite, less stressed, less aggressive there,” Mr. Bles said. “Perhaps stress has a lot to do with the lack of living space. Here we are full up.”
Space is indeed at a premium here in Europe’s most densely populated nation, where 16.3 million people live in an area roughly the size of Maryland. Denmark, which is slightly larger, has 5.5 million people. Dutch demographers say their country has undergone one of Europe’s fastest and most far-reaching demographic shifts, with about 10 percent of the population now foreign born, a majority of them Muslims.
Blaming immigrants for many ills has become commonplace. Conservative Moroccans and Turks from rural areas are accused of disdaining the liberal Dutch ways and of making little effort to adapt. Immigrant youths now make up half the prison population. More than 40 percent of immigrants receive some form of government assistance, a source of resentment among native Dutch. Immigrants say, though, that they are widely discriminated against.
Ms. Konings said the Dutch themselves brought on some of the social frictions. The Dutch “thought that we had to adapt to the immigrants and that we had to give them handouts,” she said. “We’ve been too lenient; now it’s difficult to turn the tide.”
To Mr. Hiltemann, the emigration consultant, what is remarkable is not only the surge of interest among the Dutch in leaving, but also the type of people involved. “They are successful people, I mean, urban professionals, managers, physiotherapists, computer specialists,” he said. Five years ago, he said, most of his clients were farmers looking for more land.
Mr. Buysse, who employs a staff of eight to process visas, concurred. He said farmers were still emigrating as Europe cut agricultural subsidies. ‘”What is new,” he said, “is that Dutch people who are rich or at least very comfortable are now wanting to leave the country.”

"Se Berlusconi fosse francese" di Elio Veltri

27 Febbraio 2005 Commenti chiusi

articolo comparso su l’Unità del 26.02.2005

Il ministro francese dell?Economia Hervé Gaymard, quarantaquattrenne, amico di Chirac, padre di 8 figli, è stato costretto alle dimissioni, da un?azione congiunta della stampa, dell?opposizione socialista e del segretario del suo partito. Cosa aveva combinato di tanto grave da essere costretto a lasciare?
Aveva occupato per cinque giorni, a carico dello Stato, un appartamento di 600 metri quadrati e aveva raccontato un paio di bugie, affermando pubblicamente di essere nullatenente, mentre era proprietario di due case, una di 200 metri quadrati a Parigi, fittata ad un amico e l?altra in Bretagna. Insomma, nella Francia governata dal centrodestra, un solo caso simile alle centinaia della affittopoli italiana, ha costretto un ministro giovanissimo e con un grande avvenire, a troncare la carriera politica.
Gli inviati dei nostri giornali, vedi Corriere della sera, hanno trattato l?argomento con grande severità, il che evidenzia ancora di più quanto comunemente avviene nel nostro Paese dove, casi analoghi, moltiplicati per centinaia, riservano a chi li solleva, trattamenti sprezzanti e, comunque, finiscono sempre in gloria e a tarallucci e vino.
Negli stessi giorni, nella stessa Europa, nel Paese fratello e cioè nel nostro, una storia di ben altra portata, coinvolge l?intera famiglia (quella che conta) del capo del governo. I magistrati di Milano che indagano da alcuni anni sull?acquisto di enormi quantità di film americani da parte di Mediaset, scoprono che con una serie di operazioni, utilizzando società off shore collocate nelle isole Vergini, il capo del governo è riuscito a trasferire centinaia di miliardi ai due primogeniti, Marina e Piersilvio, con l?aiuto di Livio Gironi, tesoriere della Fininvest, senza pagare le tasse. I magistrati milanesi, Alfredo Robledo e Fabio De Pasquale, che indagano 14 persone, tra le quali Silvio Berlusconi, Fedele Confalonieri e i due figli maggiori del capo del governo, per i reati di appropriazione indebita, frode fiscale, falso in bilancio e riciclaggio, hanno fatto centro, raccogliendo la testimonianza dell?avvocato inglese David Mackenzie Mills, anch?egli indagato, il quale racconta: «In una villa, che credo fosse la casa di Berlusconi, Gironi mi disse che bisognava fare un?operazione il cui scopo fondamentale era destinare una parte del patrimonio privato di Silvio Berlusconi ai figli del suo primo matrimonio.
Il documento l?ho scritto io – dice Mills – con le indicazioni che mi ha dato Gironi. Fu lui a dirmi che la cosa doveva restare assolutamente riservata e quindi era necessaria una banca fuori d?Italia. Fu sempre Gironi a sottolineare che i figli sarebbero stati i beneficiari ma la gestione pratica doveva essere soggetta al consenso di Silvio Berlusconi, che nel documento viene denominato X». «Mi è stato anche detto – prosegue l?avvocato inglese – che il documento non sarebbe stato firmato da Silvio Berlusconi, ma dai due figli, che così avrebbero assunto il doppio ruolo di costituente e di beneficiario. Inoltre si voleva legare la possibilità di compiere atti di disposizione al consenso di alcune persone di fiducia di Silvio Berlusconi: intendo dire Gironi, Foscale e Confalonieri che rappresentavano la volontà di Berlusconi». La storia ha anche un?appendice: plichi contenenti documenti delle rogatorie aperti dai funzionari del ministero di Castelli prima che li vedessero i magistrati titolari delle indagini; ostacoli alla richiesta di rogatorie alle Bahamas, che poi hanno risposto ugualmente; testimonianze di una dozzina di dipendenti di Mediaset i quali hanno detto ai magistrati che negli anni 80 e 90 era usuale gonfiare i prezzi di acquisto dei film americani per evadere il fisco e costituire fondi neri. Insomma un impero, che nella ipotesi più benevola, è diventato tale falsificando i bilanci ed evadendo le tasse.
Con tutta la buona volontà e le attenuanti possibili, che vanno dalla legittima difesa dell?evasione (come la definisce il Cavaliere) per un fisco troppo esoso, ad un infinito amore per i figli di primo letto, non ce la sentiamo di mettere sullo stesso piano l?affitto di cinque giorni a carico dello Stato, dell?improvvido ministro Gaymard e la Dallas story della famiglia Berlusconi. Eppure, il povero Gaymard è stato costretto a dimettersi nonostante gli otto figli da mantenere e a Berlusconi, nessuno ha osato chiedere le dimissioni.
Quando si dice che tutto il mondo è Paese si dice una gran balla. In realtà, l?ultima storia in ordine di tempo, spiega tutta la contrarietà a ripristinare una sia pur minima sanzione penale efficace per il reato di falso in bilancio e la determinazione con la quale gli uomini di Berlusconi sostengono l?approvazione immediata della legge «Salva-Previti», perché si arrivi alla prescrizione di tutti i reati dei processi in corso.
Naturalmente l?impunità che il capo del governo assicura a se stesso e ai membri della sua famiglia, si estende anche ad altri esponenti della maggioranza. Berlusconi per garantire se stesso deve garantire anche i suoi collaboratori e così tutto si tiene. Sirchia, ad esempio, non si dimette. Eppure i fatti che gli vengono contestati sono certamente più gravi dell?imprudenza commesa dal ministro francese. Ma nel nostro Paese nulla oramai fa scandalo e nessuno pensa seriamente di chiedere conto al capo del governo e ai suoi collaboratori dei loro comportamenti.

In cerca del sogno americano di Furio Colombo

25 Febbraio 2005 Commenti chiusi

allego articolo tratto da l’Unità di oggi
(23.02.2005)

È accaduto la sera del 21 marzo di fronte a un televisore acceso per caso. Le telecamere di Sky News erano puntate sullo stadio Olimpico di Roma.
Lo spettacolo era straordinario, perché in quella notte romana 80mila persone erano in preda a una leggenda metropolitana. Una notizia falsa, deliberatamente falsa, iniziata col messaggio che un bambino era stato ucciso dalla polizia nello stadio è diventata persuasione di 80mila nel giro di un minuto. Ha portato alla sospensione della partita, come sanno quelli di voi che seguono gli eventi sportivi.
Nel momento in cui ho visto quelle inquadrature che mi mostravano uno stadio fermo e dei giocatori raggruppati al centro del campo e indecisi, ho appreso che cosa è davvero, mentre si compie, una leggenda metropolitana. Non ne avevo mai davvero visto il compiersi nel giro di una sequenza di pochi minuti. Ha richiesto una gestione estremamente delicata, estremamente accurata sia da parte dei giocatori, che della Questura, perché poteva portare a conseguenze gravissime.
La leggenda si è diffusa in un lampo, e in un lampo è stata creduta da tutti: la polizia ha ucciso un bambino. Fra poco la rivolta di 80mila spettatori sarebbe iniziata, se fosse iniziata la partita in violazione del lutto. La partita non c?è stata. Scherzo o accidente, la tragica leggenda metropolitana

ha prevalso sul fatto semplice, evidente: non era accaduto niente.
Noi viviamo in un tempo di leggende metropolitane, e questo argomento ci porta nel vivo della nostra riflessione sull?America. Un presidente degli Stati Uniti ha usato una leggenda metropolitana, ovvero una notizia radicalmente infondata, per dare inizio a una guerra che adesso ci viene spiegata come se si potessero aggiustare le ragioni in corso d?opera: non erano le armi di distruzione di massa, ma abbiamo abbattuto un dittatore terribile. È vero, ma non era la ragione per la quale il mondo è stato mobilitato.
Qui ci troviamo a confronto con l?America contemporanea ed entriamo nel cuore del nostro discorso: che America è l?America di George Bush, e che rapporto ha con l?America che conosciamo, che molti di noi amano, che è stata, prima d?ora, così diversa?
Questo non è un viaggio nel passato. Il mio riferirmi a Tocqueville, il mio riferirmi ai «Federalist Papers», che sono le carte fondative degli Stati Uniti e di quel particolare tipo di federalismo che è il Governo federale americano, non è la rivisitazione di un?altra America.
I miei riferimenti a Roosevelt, Kennedy, Carter, Clinton, non sono nostalgia. Questo è un viaggio nel presente, nell?America di oggi, che intende esercitare per la prima volta nella storia un ruolo di guida assoluta e non discutibile.
Ciò che ho scritto un momento fa, a proposito di leggende metropolitane, ci dice che i capi di Stato, gli uomini di Governo, i personaggi politici mentono con una frequenza che la Soria testimonia nei secoli. Si mente, in politica e sarebbe ingenuo pensare che qualcuno dai luoghi del potere non ha mentito mai. Ma soltanto alcuni eventi tragici del mondo sono nati da leggende metropolitane.
Quella di George W. Bush è particolarmente grave, perché corrisponde a un?altra odiosa leggenda metropolitana, che molti di noi conosciamo e che è stata proposta, discussa e ripetuta: in essa si dice che gli americani sono i veri autori della strage delle Torri Gemelle. L?episodio delle due Torri – secondo questa ostinata leggenda – è un complotto sionista. C?è chi dice di poter offrire «la prova»: quel giorno non c?erano cittadini ebrei nei due edifici colpiti. Tutti i manager, gli impiegati e le segretarie dal nome ebreo sarebbero stati stranamente assenti.
Basta scorrere l?elenco delle persone morte per smentire l?insinuazione grave e odiosa. Si tratta evidentemente di un danno collaterale della cultura terroristica. Disgraziatamente George W. Bush, sopravvalutando la sua capacità di controllo assoluto delle notizie, ha deciso di rispondere con un?altra leggenda metropolitana. Ha inventato una causa di guerra non vera che nel giro di pochi mesi si sarebbe rivelata agli occhi dell?opinione pubblica del mondo come un inganno che isola e toglie prestigio.
Pensate al declino di credibilità del Paese-guida del mondo a causa di un simile evento. Quando dico Paese-guida non intendo né lodarlo, né biasimarlo, è un fatto oggettivo: gli Usa sono il Paese più potente. Pensate all?indice di sospetto altissimo che si diffonde nelle opinioni pubbliche del mondo nel momento in cui si sa che non era vera la ragione per cui persone rispettabili come Colin Powell si sono presentate alle Nazioni Unite mostrando fotografie ed esibendo documenti che venivano da vecchie tesi di laurea, vecchie di dieci, dodici anni, e che erano state riciclate da Servizi segreti svogliati e sviati che hanno lavorato male per i loro committenti.
È stato detto dagli avversari di Bush che negli Stati Uniti, gettandosi nella guerra mai finita in Iraq, hanno sospeso la guerra al terrorismo, hanno speso cifre immense e centinaia di migliaia di vite umane per una guerra militarmente senza senso e politicamente molto dannosa all?equilibrio dell?area e del mondo.
Questa America convive con l?America che noi evochiamo quando diciamo Kennedy, quando diciamo Carter, quando diciamo Clinton.
È un?America viva e presente, non stiamo parlando di un Museo delle Cere, non stiamo parlando del passato, non è un ricordo di nostalgia: è un modo per chiedere a coloro che ti definiscono anti-americano, nel momento in cui critichi le scelte politiche, di dire quale rapporto essi hanno avuto con la cultura e la vita americana.
Perché ti accusano di essere nemico dell?America se dissenti da Bush come dissente metà degli americani? Ti accusano, di solito, per modesti interessi di politica interna: di politica interna italiana nella quale un presidente del Consiglio ha scelto che il nostro Paese debba essere presente in Iraq in una posizione pericolosa e subordinata. Ecco perché quella presenza in Iraq ha diviso l?opinione pubblica italiana così drammaticamente: perché un filo del discorso risale fino alla ragione inventata di una guerra che con il terrorismo non c?entra. Ma un altro filo risale alla condizione di sottomissione nella quale l?Italia è stata messa e che non ha niente a che fare con un?alleanza. Infatti gli italiani che sono a Nassiriya non sono in quel luogo in base a un Trattato, non sono partner in un?alleanza. Non ci sono regole di ingaggio e c?è un doppio comando sui reparti italiani. Comanda un generale inglese. E il generale inglese risponde a sua volta al comando americano e questo non era mai accaduto dal 1945, da quando l?Italia è libera e da quando è una Repubblica democratica.
Tutto ciò provoca un?obiezione culturale e politica prima di essere un?obiezione di giudizio sulla guerra, un?obiezione di passione, un?obiezione di gente che esprime il rifiuto alla guerra che, forse, non è stato mai così grande nel mondo. Persino per chi non obietta alla guerra, non è accettabile che soldati italiani siano messi a disposizione di generali che non dovranno mai rispondere al Parlamento italiano.
Furio Colombo

legalizzazione dei brevetti software

19 Febbraio 2005 Commenti chiusi

tratto da

http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=3873

>____ >_______

Brevetti software, un altro stop

A sorpresa il consiglio europeo rimanda alla commissione la legge sui brevetti. Battuta d’arresto per la BSA e un po’ d’entusiasmo nel mondo open source.

[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-02-2005]

Il consiglio europeo ha approvato giovedì una mozione per respingere la legge UE sui brevetti software, proposta dalla Commissione UE, ma criticata da molti stati membri. La conferenza dei capigruppo, sotto la spinta dei Verdi e della solita Polonia, avrebbe richiesto la completa riscrittura del progetto di legge, ma tale procedura non è prevista, quindi il consiglio si è limitato a chiedere formalmente di ripresentare la proposta.

Piccola battuta d’arresto, quindi, per la Business Software Alliance, l’organizzazione che raggruppa le principali software house, che sta facendo notevoli pressioni sulla Commissione per una legislazione simile a quella degli Stati Uniti, dove è già in vigore una delirante normativa sulla brevettabilità del software.

C’è entusiasmo invece nel mondo open source, che considera la proposta di legge un rallentamento per l’innovazione. Fuori dal palazzo, a Bruxelles, centinaia di attivisti hanno inscenato una dimostrazione, avente per tema la Repubblica delle Banane, vale a dire l’Unione Europea dopo l’eventuale approvazione della legge sui brevetti software. Per loro, il rinvio alla Commissione della normativa è per il momento il miglior risultato sperabile.

A questo punto, la Commissione ha tre alternative: modificare il progetto secondo le indicazioni del consiglio, modificarlo per finta o ancora ritirarlo del tutto. Quest’ultima opzione, le impedirebbe di avviare iniziative sullo stesso argomento per due anni e quindi è improbabile.

Di sicuro, è in atto una rinegoziazione della legge tra i ministri europei, che potrebbe portare a una norma europea molto diversa dai brevetti all’americana. Incrociamo le dita, firmiamo appelli, facciamo sentire la nostra voce.

Per il momento la presidenza lussemburghese dell’Unione Europea ha comunicato alla Commissione UE che il progetto di direttiva sulla brevettabilità del software è nell’ordine del giorno del Consiglio Europeo del prossimo 7 marzo. L’Europa dovrebbe conservare un vantaggio competitivo e impedire la legalizzazione dei brevetti software.
6 Settembre 2004

Michele Bottari – Quelli di Zeus
*********************************************************************

a seguire la lettera inviata al Primo Ministro da
Georg Greve
Presidente
Free Software Foundation Europe (FSFE)

Egregio Primo Ministro,
Egregio Dott. Balkenende,

La nuova Commissione dell’Unione Europea vorrebbe accelerare il “Processo di Lisbona” per fare dell’Europa “l’economia dell’informazione più competitiva al mondo entro il 2010″. Intenzione più che sensata che merita il sostegno dei cittadini europei. Tuttavia l’Unione Europea sta valutando l’introduzione di norme che avrebbero effetti negativi sul mercato del software. Noi, la Free Software Foundation Europe (FSFE), vorremmo attirare la sua attenzione su questo importante argomento. Con il suo aiuto potrebbe essere possibile evitare questo problema prima che le nuove norme diventino operanti nell’Unione.

I brevetti sul software sono usati per contrastare le innovazioni da parte dei concorrenti. Questa è l’unica ragione per cui si brevettano un cestino della carta straccia virtuale, l’inserimento di applicazioni su di un sito web o la possibilità di ordinare dei regali via internet. Queste idee non sono particolarmente innovative, ma sono necessarie per far funzionare il complesso delle applicazioni e renderle utilizzabili da chiunque. È qualcosa di analogo a ciò che avviene per le macchine: per poter sfruttare le vere innovazioni bisogna utilizzare cose banali come un volante.

Nelle ultime settimane abbiamo visto cosa accade alla gestione dei progetti in ambito aziendale e nella pubblica amministrazione quando ci si confronta con progetti impegnativi, come quello di Monaco di Baviera. Un membro del consiglio municipale temeva che il progetto potesse violare qualche brevetto e il progetto ha avuto difficoltà per un’intera settimana, anche se un gigante del software come IBM è interessato nella gestione di questo progetto per il suo prestigio internazionale. La stessa cosa è accaduta nel resto del mondo, dal momento che progetti simili potrebbero essere minacciati allo stesso modo.

Da ora in poi ogni installazione di SAP potrebbe sollevare preoccupazioni simili; analogamente potrebbe diventare impossibile l’implementazione di misure di sicurezza aggiuntive in un server web, perché in ogni momento qualcuno potrebbe chiedersi se le idee su cui è basata l’implementazione sono “protette” da brevetti software. Per questi motivi, alcuni negli Stati Uniti vorrebbero eliminare quegli ostacoli all’innovazione rappresentati dai “brevetti sul software”.

Trentamila brevetti sul software sono già stati registrati nell’Unione Europea, contraddicendo lo spirito dell’attuale legislazione europea sui brevetti; tre quarti di questi brevetti sono detenuti da società non europee. Dare una base legale ai brevetti sul software potrebbe essere una decisione che renderebbe l’Unione Europea molto meno competitiva: ecco perchè vorremmo chiedere al Consiglio Europeo di rivedere il proprio orientamento sui brevetti software del 18 maggio 2004. Il Consiglio dovrebbe assicurarsi che l’innovazione possa aver luogo, piuttosto che essere limitata in futuro da brevetti sul software.

Durante il periodo di Presidenza olandese dell’Unione Europea Lei ha l’opportunità di iniziare questo processo di revisione delle norme; nell’interesse dell’Europa, non dovrebbe avere esitazioni nel farlo.

Cordialmente,

Georg Greve
Presidente
Free Software Foundation Europe (FSFE)

le residenze di Silvio Berlusconi: chiesto segreto di stato…

19 Febbraio 2005 1 commento

oltre ad aver risanato le finanze del suo impero ( a spese di chi? mah..), anche le residenze gli dobbiamo proteggere ( e vuole farle costruire come e dove vuole lui e noi non abbiamo diritto a dargli fastidio….)
anche qui mi piacerebbe sapere dove ha preso i fondi….
di sicuro c’è che ne sta facendo rstaurare una in Sardegna a spese dei contribuenti..

regime?
cosa vuol dire questa parola??

da Repubblica del 19/02/2005
************** *******************

Emerge dai decreti consegnati dal Viminale al Copaco
“Sono protette da attacchi terroristici”.
Chiesto segreto di stato su tutte
le residenze di Silvio Berlusconi

Villa Certosa, una delle residenze sulla quale grava il segreto di Stato

ROMA – Tutte le residenze del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi e quelle dei suoi familiari sono protette da attacchi terroristici e potrebbero essere soggette a segreto di Stato. E’ quanto emerge dai decreti, siglati dal ministro dell’ Interno il 6 maggio 2004, consegnati nei giorni scorsi al Copaco, l’organismo che dovrà pronunciarsi sulla fondatezza del segreto di Stato opposto dalla presidenza del Consiglio alla procura di Tempio Pausania, che aveva disposto un’ ispezione a Villa Certosa, la residenza sarda del premier, per verificare il rispetto dei vincoli paesaggistici.

Sui decreti c’è stato un braccio di ferro tra maggioranza ed opposizione, in seno al Copaco. Per i membri della Cdl, i documenti già in possesso del Comitato erano sufficienti a giudicare fondato il segreto di Stato.

Quelli dell’ opposizione avevano invece chiesto di conoscere anche i decreti del ministero dell’ Interno. Nonostante la contrarietà e le critiche degli esponenti della maggioranza, il presidente del Copaco, Enzo Bianco, si è rivolto al sottosegretario alla presidenza del Consiglio, con delega ai servizi segreti, Gianni Letta, per chiedere la visione dei decreti.

In un primo momento, il 5 febbraio scorso, Letta ha risposto a Bianco negando l’ accesso ai provvedimenti. La richiesta, secondo il sottosegretario, è “irritualè” ed “irricevibile”, in quanto non appoggiata dalla maggioranza del Copaco. Due giorni dopo, però, un’ altra lettera di Letta a Bianco, che fa riferimento a colloqui intercorsi, ha annunciato l’ accoglimento della richiesta e la trasmissione dei due decreti, con il consenso verbale del ministro dell’ Interno.

Il primo dei due provvedimenti, secondo quanto si apprende, contiene l’ approvazione del ‘Piano nazionale per la gestione di eventi di natura terroristica’; all’ interno del decreto c’ è anche il Piano di sicurezza per Villa Certosa, che resta però secretato. L’ altro decreto, facendo riferimento al terzo capitolo del Piano nazionale, indica che tutte le residenze private del presidente del Consiglio e le loro pertinenze, nonchè quelle dei familiari e dei suoi diretti collaboratori sono sottoposte a misure di sicurezza.

Per tutte è imposta la massima segretezza e viene disposta la totale interdizione all’ accesso, salvo autorizzazione del premier. Si sottolinea poi l’ urgenza di individuare la “sede alternativa di massima sicurezza per l’ incolumità del presidente del Consiglio e per la continuità dell’ azione di Governo” e, su proposta del ministro dell’ Interno, Giuseppe Pisanu, viene indicata Villa Certosa. Sia la sede di massima sicurezza (Villa Certosa), sia le residenze private del premier e dei suoi familiari, rileva il decreto, sono soggette alla legge 801/77. Si tratta della legge che disciplina, tra l’ altro, il segreto di Stato. Ciò significa che, così come è stato fatto per Villa Certosa, anche per le altre residenze del premier e per quelle dei suoi familiari potrebbe essere opposto il segreto di Stato ad un’ eventuale richiesta di ispezione da parte di una procura della Repubblica.
(18 febbraio 2005)

"Non siamo come Berlusconi"

17 Febbraio 2005 1 commento

articolo comparso oggi su “Repubblica”:

http://www.repubblica.it/2005/b/sezioni/politica/tvsvezia/tvsvezia/tvsvezia.html

il filmato è su

http://svt.se/

(sotto il televisore clikkate su:
Se kortfilmerna)

NO COMMENT..

******* +++++++++++ +++++++++++ ********

Svezia, la tv di Stato si fa lo spot
“Non siamo come Berlusconi”

Un filmato autoprodotto della Svt mostra immagini del premier
e di programmi “trash”, con un sottofondo di mandolini
Svezia, la tv di Stato si fa lo spot
“Non siamo come Berlusconi”

ROMA – Per farsi pubblicità, e sottolineare la sua indipendenza e obiettività, la televisione di stato svedese Svt usa l’immagine di Silvio Berlusconi. In un filmato breve, che va in onda in questi giorni e si può vedere anche sul sito dell’emittente, sfilano alcune riprese di Berlusconi che saluta la folla o che appare su decine di video contemporaneamente. Il sottofondo musicale è il mandolino tipico della peggiore iconografia dell’italietta, con le note ovvie di “O sole mio”.

Ad accompagnare le immagini una serie di scritte: “In Italia, il 90 per cento dei mass media è in mano a Silvio Berlusconi”, “Dopo intensiva campagna elettorale (grazie ai propri mezzi di comunicazione) vince le elezioni” “, “Ora è anche presidente del consiglio” e per finire: “Svt: noi siamo una televisione libera”.

La televisione svedese non sottolinea solo la concentrazione dei mezzi di comunicazione in mano al presidente del consiglio, ma anche la qualità dei programmi. Le riprese di Berlusconi, che saluta sorridente, sono alternate a quelle di ballerine poco vestite nei varietà italiani.
(16 febbraio 2005)

*************************************************************

vediamo se qualche fesso mi scrive che gli svedesi sono komunisti adesso…

Social Isolation, Guns and a ‘Culture of Suicide’

13 Febbraio 2005 Commenti chiusi

http://www.nytimes.com/2005/02/13/health/13rural.html?hp

in questo articolo l’autore (Fox Butterfield) analizza diverse realtà presenti in alcuni stati interni rurali degli Usa e la preoccupante percentuale di suicidi che si verifica in queste zone.
Non ero a conoscenza di questa situazione e mi ha colpito la frase ” gli americani delle piccole città e delle campagne hanno la stessa probabilità di morire di un colpo di arma da fuoco di quelli che vivono nelle grandi città. la differenza è su CHI spara.”
L’alta percentuale di suicidi, che colpisce individui delle comunità locali indipendentemente dall’età e dalla situazione sociale, e il ripetersi di tali episodi, a volta di generazione in generazione, fa parlare di una “cultura del suicidio”.
Alcuni intervistati lo vedono come una possibile via di fuga quando tutto intorno a te sta “andando a rotoli”
L’analisi di diversi episodi di suicidio si conclude evidenziando tra i fattori principali del fenomeno : una cultura chiusa, tipica delle zone isolate, che vede la richiesta di aiuto per risolvere problemi esistenziali come una debolezza , la mancanza di prevenzionee e di adeguate assistenza medica e la facile reperibilità di armi da fuoco.

Fecondazione, prete dal pulpito…

6 Febbraio 2005 Commenti chiusi

com’è che recita la Costituzione della Repubblica Italiana ??
ah si:

Art. 7.

Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani.

mi sa che quel prete non è informato…

___________________________________________________________

tratto da:

http://www.repubblica.it/2004/i/sezioni/politica/fecondazione/prete/prete.html

Sconcerto in una chiesa di Montesilvano vicino Pescara
quando il sacerdote ha dato un’esplicita indicazione di voto
Fecondazione, prete dal pulpito
“Al referendum votate no”

MONTESILVANO (Pescara) – Non hanno nascosto un senso di stupore e di perplessità i fedeli che questa mattina, durante la Messa nella Parrocchia di Sant’Antonio da Padova a Montesilvano, si sono sentiti dare pubblicamente un’esplicita indicazione di voto ai prossimi referendum sulla procreazione medicalmente assistita.

E’ stato il viceparroco, don Cristiano, al termine della sua omelia, a invitare espressamente i fedeli a votare “no” alle consultazioni referendarie.

Il sacerdote aveva impostato la sua omelia sui temi del diritto alla vita e dell’affido familiare, dopo i molti anni dall’entrata in vigore della legge sull’aborto. Quindi, verso la conclusione, ha introdotto l’argomento dei prossimi refer

endum sulla fecondazione assistita. “Su questi temi siamo ignoranti – ha affermato don Cristiano -. Documentatevi e votate no”.

I fedeli non si aspettavano un’indicazione così esplicita, soprattutto in un’occasione pubblica come la Messa domenicale. In molti, peraltro, pur non manifestandolo direttamente al sacerdote, non hanno nascosto successivamente il loro disappunto.
(6 febbraio 2005)

Art’s Last, Lonely Cowboy: M.Heizer.

6 Febbraio 2005 2 commenti

http://www.nytimes.com/2005/02/06/magazine/06HEIZER.html?oref=login

interessante articolo
Michael Heizer, esponente della Earth Art americana, alla fine degli anni 70 voleva allontanarsi dalla confusione del mondo civilizzato e urbanizzato.
l’artista solitario aveva trovato uno spazio per creare nel deserto del Nevada, lontano da tutto e da tutti.
Qui ha costruito la sua casa e creato dopo molti anni di lavoro (1980-1999) e investimenti milionari, una mega scultura (“45º, 90º, 180º/City,”), delle dimensioni di un centro commerciale….
Ora vede la sua tranquillità e tutto il paesaggio che circondava la sua casa, e che serviva anche da sfondo alla sua opera, messo in pericolo dalla costruzione di una via di comunicazione ed altre infrastrutture perchè a poche miglia dalla sua terra verrà costruita Yucca, una discarica per prodotti radioattivi….

date un’occhiata all’articolo (originale in inglese) e vedete la sequenza di diapositive per rendervi conto dell’imponenza dell’opera…

U.S. Probes Military-Sponsored Web Sites

5 Febbraio 2005 Commenti chiusi

In simpatia..

siccome volevano fare belle figura con l’oponione pubblica, i militari del US European Command sono sospettati di aver pagato alcuni giornalisti perchè scrivessero articoli o commenti positivi per l’esercito su alcuni siti web dei Balcani e di parte dell’Africa del Nord.
Si indaga anche su altri Us Command nel mondo sopettati di aver messo in atto le stesse tecniche per sensibilizzare favorevolmente l’opinione publica sull’operato delle forze armate americane…

____________________________________

NO COMMENT

*************** ******************

http://channels.netscape.com/ns/news/story.jsp?idq=/ff/story/0001/20050204/1939091761.htm

By ROBERT BURNS

WASHINGTON (AP) – The Pentagon’s chief investigator is looking into the military’s practice of paying journalists to write articles and commentary for a Web site aimed at influencing public opinion in the Balkans, officials said Friday.

At the request of Larry Di Rita, chief spokesman for Defense Secretary Donald H. Rumsfeld, the Pentagon’s inspector general, Joseph Schmitz, is reviewing that case and also looking more broadly at Pentagon activities that might involve inappropriate payments to journalists.

Di Rita said he had no reason to believe there have been any inappropriate activities but wanted a comprehensive review to “help ensure our processes are sufficiently sensitive to this matter.” He stressed that the Web projects are done in close coordination with the State Department.

The Balkans Web site, called Southeast European Times, as well as a second aimed at audiences in north Africa, have no immediately obvious connection to the U.S. government but contain a linked disclaimer that says they are “sponsored by the U.S. European Command.” That is the military organization based in Germany responsible for U.S. forces and military activities in Europe and parts of Africa.

The second site, called Magharebia and aimed at the Maghreb region that encompasses Algeria, Libya, Mauritania, Morocco and Tunisia, is still in development and has not reached the stage of having paid correspondents, said Air Force Lt. Col. Derek Kaufman, a European Command spokesman.

Both sites carry news stories compiled from The Associated Press, Reuters and other news organizations. The Pentagon’s role in these Web sites was first reported by CNN on Thursday.

The Balkans Web site also has articles and commentary by about 50 journalists who Kaufman said are paid by European Command through a private contractor, Anteon Corp., an information technology company based in Fairfax, Va.

The Web sites are examples of what the military calls “information operations,” or programs designed to influence public opinion by countering what the Pentagon considers to be misinformation or lies that circulate in the international news media. The Pentagon’s use of the Web sites has raised questions about blurring the lines between legitimate news and what some would call government propaganda.

The Balkans site grew out of the U.S. air war against Serbian leader Slobodan Milosevic in 1999, Kaufman said. It sought to counter what U.S. officials considered a Serb propaganda machine that made effective use of the Internet.

The site aimed at north Africa was started in October 2004 and is a new weapon in the global war on terror.

“This specifically is trying to reach a youthful audience that is potentially ripe for extremist messages and terrorist recruitment,” Kaufman said. “It’s very much an effort to provide a voice of moderation, but it’s not disinformation. Every printed word is the truth.”

Di Rita said in an interview Friday that he approves of the effort to present information to counter anti-American Internet material, but he wants to make sure it is done properly and transparently. He said he first learned of the Southeast European Times site last week.

Kaufman said information warfare experts at European Command do not edit the stories written by contributing journalists for Southeast European Times, but they “review” the stories after they are processed by Anteon editors, and they sometimes change the headlines. He cited as an example a proposed headline that originally read, “Croatian Prime Minister Remembers Holocaust Victims,” which European Command changed to “Croatian Prime Minister Remarks on Dangers of Extremism,” which Kaufman said “more closely reinforced” the U.S. message.

About 50 paid correspondents contribute to Southeast European Times, including one American journalist based in Sarajevo, Bosnia, Kaufman said. Another European Command spokesman, Air Force Maj. Sarah Strachan, said many of the journalists work primarily for news organizations, although she said the details of those employers could not be provided for privacy reasons.

Kaufman said the journalists are paid according to the number of words in their articles that are approved for posting on the Web site, at a rate set by Anteon.

In a letter Thursday to the Pentagon inspector general, Di Rita asked for a comprehensive review in light of recent disclosures that other government agencies paid journalists to promote administration policies.

“I have no reason to believe there might be a problem,” Di Rita wrote, but he said a review was called for in view of the Defense Department’s size and its complex budgeting structure.

Without mentioning him by name, Di Rita alluded to the case of commentator Armstrong Williams, who was hired by the Education Department – through a contract with a public relations firm – to produce ads that featured former Education Secretary Rod Paige and promoted President Bush’s No Child Left Behind law. Two other cases of columnists being paid to help promote administration policies have come to light in recent weeks, and Bush said Jan. 26 that the practice must stop.

“It would be most helpful to review activities going back six to eight years, as I assume many existing relationships have continued for that many years or longer,” Di Rita wrote, noting the Southeast European Times operation. “It would be appropriate to review that activity and others like it.”

It was not clear Friday whether other U.S. military commands have similar Web site operations. Navy Capt. Hal Pittman, the chief spokesman at Central Command, responsible for U.S. military operations in the Middle East and Central Asia, said, “We’re reviewing the utility of this kind of Web site.”

On the Net:

Southeast European Times at http://www.setimes.com

Magharebia at http://www.magharebia.com