Archivio

Archivio Aprile 2004

picchiare la moglie é giusto, dice l’imam di Venissieux

24 Aprile 2004 1 commento

accludo articolo del new york times del 24 aprile 2004

Da Lyon, Francia (Europa?)

Sostenitore delle violenze contro la moglie di ritorno in Francia

La corte ha spianato la strada venerdì per il ritorno di Abdelkader Bouiziane, l’imam della moschea di Venissieux, nei sobborghi di Lione, che era stato espulso dalla Francia per essersi dichiarato sostenitore delle percosse e della lapidazione per le donne.
L’espulsione del prelato lo ha separato dai suoi figli in Francia, dice la corte amministrativa di Lione che ha temporaneamente sospeso la condanna.
Il provvedimento permette a Bouziane di rientrare in Francia fino a quando la corte decida se l’espulsione è legale o no.
La corte ha espresso molti dubbi sulla legalità della sentenza.
Bouziane, 52 anni, aveva dichiarato in un’intervista rilasciata al Lyon Mag che un uomo può picchiare la moglie ” in certe circostanze, ad esempio se una moglie tradisce il marito”
Egli dichiara che il Corano autorizza questo tipo di punizione, una interpretazione rifiutata dalla maggior parte dei mussulmani.
Si dichiara a favore anche della lapidazione per le donne.
Il ministro dell’interno Dominique de Villepin ha dichiarato che fornirà elementi aggiuntivi alla corte per giustificare l’espulsione di Bouziane
Bouziane era stato espulso per l’Algeria mercoledì.
Le sue 2 mogli e i suoi 16 figli erano rimasti in Francia.

————————————————————–

Backer of Wife-Beating to Return to France
By THE ASSOCIATED PRESS

Published: April 24, 2004

LYON, France, April 23 – A court cleared the way on Friday for the return of a Muslim cleric to France from Algeria, where he was expelled Wednesday for advocating wife-beating and stoning of women.

The expulsion of the cleric, Abdelkader Bouziane, separated him from his children in France, the administrative court in Lyon said, temporarily suspending the deportation.

Advertisement

The ruling allows Mr. Bouziane to return to France until the court decides in several weeks whether the expulsion was legal. The court expressed “serious doubt” about the order’s legality.

Mr. Bouziane, 52, imam of a mosque in Venissieux, a Lyon suburb, said in an interview with Lyon Mag that a man could beat his wife “under certain conditions, notably if the woman cheats on her husband.” He claimed that the Koran authorized such punishment, an interpretation rejected by most Muslims. He also favors stoning women.

Interior Minister Dominique de Villepin said he would furnish the court with more information to justify Mr. Bouziane’s expulsion.

Mr. Bouziane was expelled to Algeria on Wednesday. His 2 wives and 16 children remained in France.

una valanga di grano USA inonda il Messico

23 Aprile 2004 Commenti chiusi

L’articolo che allego tratta della difficile situazione in cui si trovano i produttori di mais e di grano in Messico a causa della libera circolazione delle merci che si è instaurata dopo la ratifica dell’accordo NAFTA.
In sintesi, i contadini messicani si vedono costretti a vendere i loro appezzamenti per finire come forza lavoro sfruttata in USA o a lasciare le campagne per sommarsi alle fila dei senza lavoro che vivono intorno a Città del Messico e a vedere distrutta tutta una serie di prodotti geneticamente NON modificati a causa del trattato.
Infatti la libera circolazione delle merci tra USA, Canada e Messico, sancita con l’accordo NAFTA, favorisce ( o dovrebbe farlo) il libero commercio tra i paesi membri.
Purtroppo dagli USA i produttori di grano riescono a vendere i loro prodotti sottocosto agli altri paesi aiutati dalle sovvenzioni che il governo gli concede.
Questo comporta anche l’introduzione di sementi modificate geneticamente che modificheranno per sempre la produzione in questi posti e cancellerà dalla faccia della terra organismi che hanno proliferato per più di 10000 anni.
Quindi invece di aiutare i paesi in difficoltà, distruggono le loro economie….e l’equilibrio naturale……
L’articolo termina con questa dichiarazione:
Forse da un punto di vista strettamente economico, la libertà di scambio
per una merce come il grano appare assolutamente razionale.
Ma guardando lo stesso fenomeno da un punto di vista biologico, comincia a sembrare terribilmente miope, se non pazzia.

COMMENTARY
A Flood of U.S. Corn Rips at Mexico
Under free trade, small farmers and the nation’s ecology are suffering.

COMMENTARY

By Michael Pollan, Michael Pollan, a professor at UC Berkeley’s Graduate School of Journalism, is the author of three books, including “The Botany of Desire.” He is a member of the Land Institute’s Prairie Writers Circl

Americans have been talking a lot about trade this campaign season, about globalism’s winners and losers, and especially about the export of American jobs. Yet even when globalism is working the way it’s supposed to ? when Americans are exporting things like crops rather than jobs ? there can be a steep social and environmental cost.

One of the ballyhooed successes of the North American Free Trade Agreement has been the opening of Mexico to American farmers, who are now selling millions of bushels of corn south of the border. But why would Mexico, whose people still subsist on maize (mostly in tortillas), whose farmers still grow more maize than any other crop, ever buy corn from an American farmer? Because he can produce it much more cheaply than any Mexican farmer can. Actually that’s not quite right ? it’s because he can sell it much more cheaply.

This is largely because of U.S. agricultural policies. While one part of the U.S. government speaks of the need to alleviate Third World poverty, another is writing subsidy checks to American farmers, which encourages them to undersell Third World farmers.

The river of cheap American corn began flooding into Mexico after NAFTA took effect in 1994. Since then, the price of corn in Mexico has fallen by half. A 2003 report by the Carnegie Endowment says this flood has washed away 1.3 million small farmers. Unable to compete, they have left their land to join the swelling pools of Mexico’s urban unemployed. Others migrate to the U.S. to pick our crops ? former farmers become day laborers.

The cheap U.S. corn has also wreaked havoc on Mexico’s land, according to the Carnegie report. The small farmers forced off their land often sell out to larger farmers who grow for export, farmers who must adopt far more industrial (and especially chemical- and water-intensive) practices to compete in the international marketplace. Fertilizer runoff into the Sea of Cortez starves its marine life of oxygen, and Mexico’s scarce water resources are leaching north, one tomato at a time.

Mexico’s industrial farmers now produce fruits and vegetables for American tables year-round. It’s ridiculous for a country like Mexico whose people are often hungry to use its best land to grow produce for a country where food is so abundant that its people are obese ? but under free trade, it makes economic sense.

Meanwhile, the small farmers struggling to hold on in Mexico are forced to grow their corn on increasingly marginal lands, contributing to deforestation and soil erosion.

Compounding these environmental pressures is the advent of something new to Mexico: factory farming. The practice of feeding corn to livestock was actively discouraged by the Mexican government until quite recently ? an expression of the culture’s quasi-religious reverence for maize. But those policies were reversed in 1994, and, just as it has done in the United States, cheap corn has driven the growth of animal feedlots, sewage concentration and water and air pollution.

Cheap American corn in Mexico threatens all corn ? Zea mays itself ? and by extension all of us who have come to depend on this plant. The small Mexican farmers who grow corn in southern Mexico are responsible for maintaining the genetic diversity of the species. While American farmers raise a small handful of genetically nearly identical hybrids, Mexico’s small farmers still grow hundreds of different, open-pollinated varieties, commonly called landraces.

This genetic diversity, the product of 10,000 years of human-maize co-evolution, represents some of the most precious and irreplaceable information on Earth, as we were reminded in 1970 when a fungus decimated the American corn crop and genes for resistance were found in a landrace in southern Mexico. These landraces will survive only as long as the farmers who cultivate them do. The cheap corn that is throwing these farmers off their land threatens to dry up the pool of genetic diversity on which the future of the species depends.

Perhaps from a strictly economic point of view, free trade in a commodity like corn appears eminently rational. But look at the same phenomenon from a biological point of view and it begins to look woefully shortsighted, if not mad.

il vero motivo della presenza italiana a Nassiriya

23 Aprile 2004 Commenti chiusi

mi hanno mandato questo articolo che giro sul blog perchè mi sembra interessante..
giudicate voi se interessi a livello petrolifero possano giustificare l’invio di uomini e mezzi in guerra con la scusa di porre fine al terrorismo islamico

il vero motivo della presenza italiana a Nassiriya
Di Elio Veltri e Paolo Sylos Labini ? tratto da www.democraziaelegalit.it
Visto su «Orizzonti Nuovi» nr.5 marzo 2004

Lo scopo di questo articolo non è quello di ribadire la posizione che
abbiamo
sostenuto durante la guerra e contro l?invio del contingente italiano in
Iraq. Né di polemizzare con gli amici del «triciclo», anche se riteniamo
che avrebbero fatto bene a votare contro. Ci interessa, invece, informare
i lettori e commentare un fatto che riteniamo di grande rilevanza. Nel libro
«La guerra del petrolio» (Editori Riuniti), l?autore, Benito Li Vigni,
entrato
all?ENI con Mattei e rimasto nel gruppo fino al 1996, ricoprendovi posizioni
di grande responsabilità, a proposito di Nassiriya scrive: «La presenza
italiana in Iraq, al di là dei presupposti ufficialmente dichiarati, è
motivata
dal desiderio di non essere assenti dal tavolo della ricostruzione e degli
affari. Questi ultimi riguardano soprattutto lo sfruttamento dei ricchi
campi petroliferi.
Non a caso il nostro contingente si è attestato nella zona di Nassiriya
dove agli italiani dell?ENI il governo iracheno, pensando alla fine
dell?embargo,
aveva concesso ? fra il 1995 e il 2000 ? lo sfruttamento di un giacimento
petrolifero, con 2,5-3 miliardi di barili di riserve: quinto per importanza
tra i nuovi giacimenti che l?Iraq di Saddam voleva avviare a produzione».
Per completare l?informazione, va detto che contratti analoghi il regime
iracheno aveva sottoscritto con Francia, Russia e Germania, contrarie alla
guerra. Il contratto con l?ENI era particolarmente favorevole all?Italia
per due ragioni: i costi di estrazione che la società di bandiera avrebbe
dovuto affrontare sarebbero stati scontati con la produzione del petrolio
estratto; una volta ammortizzati i costi, la produzione seguente, sarebbe
stata divisa a metà tra ENI e Governo Iracheno. L?Operazione era importante
a tal punto che uno dei più autorevoli giornali americani, commentandola,
aveva scritto che se fosse andata in porto, l?ENI sarebbe diventata la più
grande compagnia petrolifera del mondo.

Resta da capire perché, dopo aver concluso la trattativa durata cinque anni,
l?ENI non abbia cominciato a trivellare i pozzi. La risposta è legata alla
decisione di Saddam di attendere la fine dell?embargo, per la quale aveva
chiesto l?aiuto e l?intervento italiano, francese e tedesco presso la
presidenza
degli Stati Uniti, dichiarandosi anche disponibile, ciò che fece, a
immettere
sul mercato due milioni di barili al giorno per evitare l?aumento del prezzo
del greggio. A questo punto qualche domanda è d?obbligo e riguarda l?attuale
governo:

1) Era a conoscenza del contratto ENI-Saddam? Essendo il presidente
dell?ENI, Poli, persona molto vicina al Cavaliere, non ci sono dubbi che
il governo sia stato informato;
2) Gli americani, che sono i veri dòmini della situazione in Iraq e
decidono chi deve partecipare agli affari, hanno confermato al nostro
governo
l?impegno iracheno cui campi petroliferi di Nassiriya?
3) Se così fosse, è lecito chiedere in cambio di cosa?
4) Forse, in cambio dell?impegno del governo di sostenere l?intervento
americano in Iraq e di inviare e mantenervi i nostri soldati?
5) La Francia che pure ha interessi analoghi ai nostri, non si è fatta
tentare, perché tiene alla sua autonomia più di ogni inconfessabile
interesse:
perché noi siamo tanto subalterni?

Non sarebbe utile che il centro sinistra chiedesse al governo di parlarne
(?) alla Camera? Augurandoci che il governo faccia piena luce
sull?argomento,
anche per il rispetto che tutti dobbiamo ai 19 morti di Nassiriya (?)

due video scomparsi

22 Aprile 2004 Commenti chiusi

certo che se è vero quanto riporta questo articolo..
la situazione di false verità che ci propinano diventa preoccupante..
come mai non ho visto prime pagine di quotidiani che ci informano di queste cose?
forse meglio utilizzare la reazione emotiva del patriottico italiota per creare un falso senso di appartenenza e di allienamento con le (prima ) discusse scelte delle istituzioni che informarlo sulla Vertità con la V maiuscola?
a voi..

20.04.2004
Due video scomparsi
di Antonio Padellaro

Dietro la liberazione dei tre ostaggi, annunciata come imminente sia a
Bagdad che a Roma, c’è un misterioso accordo raggiunto dal governo italiano
con i miliziani islamici autori del sequestro. Ma dietro questo accordo c’è
sicuramente un altro mistero, quello dei due video scomparsi. Il primo
testimonia l’assassinio di Fabrizio Quattrocchi. Il secondo contiene le
immagini della battaglia di Nassiriya del 6 aprile, nella quale i ribelli
iracheni uccisi dai soldati italiani sarebbero stati non una ventina, come
si era detto subito, ma un numero molto più elevato: 100, forse anche 200.
Sono ore di voci incontrollabili. C’è chi attribuisce il ritardo
dell’annuncio ufficiale del rilascio all’intenzione di Berlusconi, nel
viaggio di ritorno da Mosca, di raccoglierli in un aeroporto segreto e
condurli trionfalmente in Italia. C’è, al contrario, chi parla di un
negoziato ancora da perfezionare. Ma questa intesa, vicina o vicinissima, in
cosa realmente consiste? Loro ci restituiscono tre uomini vivi e uno morto.
Noi che gli diamo in cambio? Dei miliziani, come si è visto, crudeli e
decisi a tutto si possono forse accontentare dei tre camion (nelle immagini
del tg unico di regime se ne è visto uno solo) di aiuti umanitari inviati a
Falluja dalla Croce Rossa? Tre camion per una città di trecentomila
abitanti? Via, siamo seri. Per un accordo così importante, sull’altro piatto
della bilancia il governo italiano ha dovuto per forza mettere qualcosa di
molto più consistente di qualche cassa di medicinali e di latte in polvere.
Qualcosa, probabilmente, di cui l’esercito di rivoltosi in guerra con la
coalizione di cui fa parte l’Italia hanno grande bisogno. Per esempio,
l’assicurazione che i soldati italiani non spareranno più contro i
combattenti iracheni.
È un’ipotesi a cui qualcuno ha pensato leggendo, ieri mattina, le
dichiarazioni sullo stop agli americani rese dal capo della missione
italiana in Iraq generale Gian Marco Chiarini. Riferisce Chiarini che
giovedì scorso le truppe Usa volevano venire a Nassiriya per catturare il
leader locale di Al Sadr, capo dell’ala radicale sciita. Questa zona è di
mia competenza, ha risposto Chiarini all’alleato, e se voi arrivate qui noi
ce ne andiamo. Gli italiani, insomma, anche se non si ritirano come gli
spagnoli sembrano in una fase di ripiegamento psicologico. Lo dimostra
l’altro no che il generale Filiberto Cecchi, capo delle missioni militari
all’estero ha opposto alla richiesta, anche questa Usa, di sostituire le
truppe di Zapatero. «Siamo al massimo dello sforzo», ha risposto seccamente
Cecchi negando un ulteriore apporto degli italiani.
Questo mutato atteggiamento degli alti comandi mostra una diversa percezione
della situazione irachena rispetto ai giorni della battaglia di Nassiriya.
Il 6 aprile si tratta di liberare i ponti occupati dai rivoltosi. Su
richiesta degli americani il contingente italiano ingaggia una battaglia di
18 ore. Uno scontro violentissimo di cui esiste un video tenuto
supersegreto: immagini che, evidentemente, non possono essere divulgate.
Cosa raccontano che non può essere visto? I nostri connazionali vengono
sequestrati una settimana dopo. L’evento, all’inizio, non suscita reazioni
particolari nel governo. Il premier se ne parte tranquillamente per la
Sardegna. Il vicepremier non pensa neppure un attimo a interrompere le
immersioni nel Mar Rosso. Il ministro Frattini, al pari del collega Martino,
affronta la questione con grinta ed esibizione di muscoli: con i terroristi
non si tratta, punto e basta. Gira una interpretazione minimalista: i
rapitori sono banditi di strada, basta pagarli e i nostri tornano liberi.
Col senno di poi tanta superficialità ha una sola spiegazione: il governo
italiano non sa nulla. Non conosce ancora la reale identità degli ostaggi.
Da chi sono stati mandati. A quali operazioni hanno partecipato. Quale
documentazione hanno con loro. Ai sequestratori, invece, basta poco per
rendersi conto dell’entità del colpo portato a termine. Nel primo video,
mostrando i volti e i passaporti degli italiani i rapitori pensano di aver
inviato il messaggio giusto. Messaggio trasmesso da tutte le televisioni e
che dovrebbe suonare più o meno così: noi sappiamo che voi sapete chi
abbiamo rapito, regolatevi di conseguenza. Ma a Roma nessuno si muove. È
all’ingresso nello studio di «Porta a Porta» che Frattini viene informato
compiutamente. Sulla identità dell’ostaggio assassinato. Ma non solo. Nel
video recapitato ad Al Jazira e che l’emittente araba non ha voluto
divulgare «per ragioni umanitarie» c’è soltanto l’orrenda esecuzione di
Quattrocchi? È pensabile che i miliziani si siano macchiate le mani di
sangue a scopo puramente dimostrativo? Tutto per diffondere nel mondo intero
una scena rivoltante che diventa di colpo l’immagine di tutta la resistenza
irachena? Possibile che non abbiano accompagnato quella visione con un
messaggio, le loro condizioni al governo italiano, che adesso in nome di un
sentimento di umana pietà ci viene nascosto. E se il video è davvero così
orrendo, perché allora non ci fanno ascoltare l’audio? Perché la frase che
ha fatto di Fabrizio Quattrocchi un eroe( «Ti faccio vedere come muore un
italiano»)deve esserci ripetuta in forma di tradizione orale da parte di chi
giura di avere visto e sentito senza poterlo provare? Perché non pensare che
quel video resta misterioso perché misterioso deve restare l’accordo che sta
per restituire alle loro famiglie Agliana, Cupertino e Stefio?

l’analogia vietnamita

16 Aprile 2004 Commenti chiusi

articolo tratto dal new york times del 2004/04/16

OP-ED COLUMNIST

The Vietnam Analogy

By PAUL KRUGMAN

Published: April 16, 2004

Columnist Page: Paul Krugman

E-mail: krugman@nytimes.com

Iraq isn’t Vietnam. The most important difference is the death toll, which is only a small fraction of the carnage in Indochina. But there are also real parallels, and in some ways Iraq looks worse.

It’s true that the current American force in Iraq is much smaller than the Army we sent to Vietnam. But the U.S. military as a whole, and the Army in particular, is also much smaller than it was in 1968. Measured by the share of our military strength it ties down, Iraq is a Vietnam-size conflict.

And the stress Iraq places on our military is, if anything, worse. In Vietnam, Amercn forces consisted mainly of short-term draftees, who returned to civilian life after their tours of duty. Our Iraq force consists of long-term volunteers, including reservists who never expected to be called up for extended missions overseas. The training of these volunteers, their morale and their willingness to re-enlist will suffer severely if they are called upon to spend years fighting a guerrilla war.

Some hawks say this proves that we need a bigger Army. But President Bush hasn’t called for larger forces. In fact, he seems unwilling to pay for the forces we have.

A fiscal comparison of George Bush’s and Lyndon Johnson’s policies makes the Vietnam era seem like a golden age of personal responsibility. At first, Johnson was reluctant to face up to the cost of the war. But in 1968 he bit the bullet, raising taxes and cutting spending; he turned a large deficit into a surplus the next year. A comparable program today ? the budget went from a deficit of 3.2 percent of G.D.P. to a 0.3 percent surplus in just one year ? would eliminate most of our budget deficit.

By contrast, Mr. Bush, for all his talk about staying the course, hasn’t been willing to strike anything off his domestic wish list. On the contrary, he used the initial glow of apparent success in Iraq to ram through yet another tax cut, waiting until later to tell us about the extra $87 billion he needed. And he’s still at it: in his press conference on Tuesday he said nothing about the $50 billion-to-$70 billion extra that everyone knows will be needed to pay for continuing operations.

This fiscal chicanery is part of a larger pattern. Vietnam shook the nation’s confidence not just because we lost, but because our leaders didn’t tell us the truth. Last September Gen. Anthony Zinni spoke of “Vietnam, where we heard the garbage and the lies,” and asked his audience of military officers, “Is it happening again?” Sure enough, the parallels are proliferating. Gulf of Tonkin attack, meet nonexistent W.M.D. and Al Qaeda links. “Hearts and minds,” meet “welcome us as liberators.” “Light at the end of the tunnel,” meet “turned the corner.” Vietnamization, meet the new Iraqi Army.

Some say that Iraq isn’t Vietnam because we’ve come to bring democracy, not to support a corrupt regime. But idealistic talk is cheap. In Vietnam, U.S. officials never said, “We’re supporting a corrupt regime.” They said they were defending democracy. The rest of the world, and the Iraqis themselves, will believe in America’s idealistic intentions if and when they see a legitimate, noncorrupt Iraqi government ? as opposed to, say, a rigged election that puts Ahmad Chalabi in charge.

If we aren’t promoting democracy in Iraq, what are we doing? Many of the more moderate supporters of the war have already reached the stage of quagmire logic: they no longer have high hopes for what we may accomplish, but they fear the consequences if we leave. The irony is painful. One of the real motives for the invasion of Iraq was to give the world a demonstration of American power. It’s a measure of how badly things have gone that now we’re told we can’t leave because that would be a demonstration of American weakness.

Again, the parallel with Vietnam is obvious. Remember the domino theory?

And there’s one more parallel: Nixonian politics is back.

What we remember now is Watergate. But equally serious were Nixon’s efforts to suppress dissent, like the “Tell It to Hanoi” rallies, where critics of the Vietnam War were accused of undermining the soldiers and encouraging the enemy. On Tuesday George Bush did a meta-Nixon: he declared that anyone who draws analogies between Iraq and Vietnam undermines the soldiers and encourages the enemy.

E-mail: krugman@nytimes.com

il governo di "porta a porta"

16 Aprile 2004 Commenti chiusi

dopo aver letto l’articolo che allego, ho fatto delle considerazioni e mi sembra doveroso evidenziare quel passaggio che cita “durante una diretta di quasi tre ore che ha fatto il record di ascolti”.

purtroppo, mi sa , che noi (pochi) ci lamentiamo di un atteggiamento che però è premiato da questi (molti) telesettatori/elettori che sono rimasti attaccati al video e che sono poi gli stessi che hanno legittimato questo governo.
“la democrazia è la peggior forma di governo esistente, ad eccezione delle altre che abbiamo provato volta per volta” diceva churchill

e se, alla fine, ci meritassimo questo?

che la mamma dei tonti sia sempre incinta è un dato di fatto ma… sul lungo termine, mi sa che la popolazione è cresciuta a dismisura….

——– Original Message ——–

Subject: Il Governo di Porta a Porta…

15.04.2004
Il Governo di Porta a Porta
di Antonio Padellaro

Siamo sicuri che Franco Frattini vorrà essere ricordato come il ministro
degli Esteri che ha restituito alle loro famiglie, sani e salvi, Maurizio
Agliana, Umberto Cupertino e Salvatore Stefio, i tre italiani ancora in
ostaggio della «Brigata Verde del Profeta». È quello che, naturalmente,
tutti ci auguriamo. Ci duole, tuttavia, constatare che in queste ore
l’immagine di Franco Frattini è quella del ministro degli Esteri che alla
notizia dell’assassinio di Fabrizio Quattrocchi, il quarto italiano rapito,
ha preferito non muoversi dallo studio di un talk show. Altri, davanti a un
comportamento che non ha precedenti hanno già deplorato, oltre a una
notevole mancanza di umana pietà, l’assenza di etica pubblica. Si è detto, e
si è scritto, che è un ministro del tutto inadeguato quel ministro che non
ha sentito l’esigenza di lasciare immediatamente lo studio di «Porta a
Porta» e di precipitarsi alla Farnesina. Per capire cosa stava accadendo.
Per coordinare le operazioni. Per informare in tempo reale, e
personalmente, le quattro famiglie precipitate nell’angoscia più tremenda.
L’esibizione del ministro televisivo degli Esteri è stata impietosamente
sezionata mett endone in risalto gli aspetti più grotteschi. Due momenti
restano memorabili. Il Frattini barricato per un’ora dietro i non so e i non
risulta, che si decide a balbettare qualcosa solo quando squilla un telefono
e spunta dal nulla un giornalista che annuncia il nome dell’ucciso. Il
Frattini che ai familiari, disperati e in attesa di notizie, suggerisce di
chiamare il numero verde della Farnesina. Eppure, prendersela con Frattini,
e con la sua insostenibile leggerezza, può servire a poco se il ministro
viene estrapolato, come si dice, dal contesto. Proviamo, infatti, ad
allargare l’inquadratura e vedremo che mercoledì sera è andato in onda un
duplice dramma. Il dramma del povero Quattrocchi, rappresentato in ogni suo
aspetto, anche i più privati, anche i più strazianti durante una diretta di
quasi tre ore che ha fatto il record di ascolti. E il dramma di un governo a
una sola dimensione, quella televisiva. Il governo che certifica la sua
esistenza in vita nei tg della sera. Il governo di «Porta a Porta». Sul
primo aspetto Bruno Vespa, anche lui raggiunto dalle voci su una costruzione
mediatica del caso, ha detto: «nessuno pensava che si sarebbe conosciuto il
nome della vittima in diretta». E tuttavia qualcosa di molto strano, l’altra
sera, balzava agli occhi. Come se un intero programma fosse stato montato in
un crescendo di pathos, al culmine del quale sarebbe stato rivelato al
pubblico e ai parenti presenti in studio il nome della vittima. Una sorta di
spaventosa roulette russa, che a un certo punto si sarebbe fermata sopra un
nome. Quel nome che il ministro conosceva, ma la cui rivelazione pubblica è
arrivata attraverso la voce di Renato Farina, vice direttore di «Libero» e
deus ex machina della tragica rappresentazione (che adesso spiega: di dirlo
me lo ha chiesto Frattini). È in quell’attimo che a Genova, a casa
Quattrocchi, si scatena la disperazione. Speriamo davvero che sia stato un
maledetto caso a dettare i tempi della trasmissione. Poi c’è il governo
televisivo. La tv che detta l’agenda politica («Porta a Porta» non è stata
forse definita il terzo ramo del Parlamento?). La campagna elettorale che
incombe. Applichiamo questo schema alla vicenda degli ostaggi. In una
normale democrazia, davanti alla concreta minaccia che quattro concittadini
vengano messi a morte il governo siede in permanenza, si crea un gabinetto
di crisi, si cercano mediazioni internazionali, si sguinzagliano i servizi
segreti. Insomma, non si lascia nulla di intentato pur di salvare quattro
esistenze. Nella democrazia di «Porta a Porta» il presidente del Consiglio è
in vacanza a Porto Rotondo mentre il vicepresidente del Consiglio fa il sub
nel Mar Rosso. Il ministro degli Esteri è reduce da una mattinata
soddisfacente. Gli è bastato richiamarsi a una ipotetica nuova risoluzione
delle Nazioni Unite per riscuotere il plauso dell’opposizione. È il governo
più bellicista della storia repubblicana che non vede l’ora di uscire dal
pantano iracheno? Oppure l’Onu è una cortina fumogena che nasconde i nuovi
impegni presi da Berlusconi con Bush? Frattini è un giurista dall’eccellente
curriculum. Ha collaborato con Ciampi a palazzo Chigi ed è considerato un
ministro bipartisan. Nel clan berlusconiano è considerato un personaggio di
prima fila, non di primissima. Per questo, si dice, il premier lo ha voluto
alla Farnesina dopo l’interim: non gli fa ombra, non c’è pericolo che sia
ingombrante come Ruggiero. Frattini è diligente anche davanti alle
telecamere. Quando parla scandisce lentamente ogni parola come se stesse
annunciando gli accordi di Yalta. Va spesso in televisione ma non si può
dire che buchi lo schermo. A proposito di mercoledì sera, adesso si
giustifica: era molto più doveroso affrontare una situazione drammatica
piuttosto che ritirarsi comodamente in ufficio. Non ha calcolato che i tempi
sono cambiati e i telespettatori-elettori anche. Che la presenza televisiva,
anche frequente, non basta se non diventa governo, gestione e sviluppo della
reputazione. Che le immagini fondate sul nulla durano poco. Che di fronte
alle situazioni di crisi occorre parlare con chiarezza, ammettere le
difficoltà, gli errori. Reputazione e capacità di governo, Ce ne vorrebbe
tanta in queste ore decisive. Speriamo che non sia finita tutta, l’altra
sera, nella morte spettacolo di Porta a Porta.