Archivio

Archivio Gennaio 2004

ogni giorno è un nuovo giorno in berluska-land

31 Gennaio 2004 7 commenti

Non ho trovato nessun articolo sulla stampa italiana che mettesse in risalto l’incredibile continuo opportunismo che traspare da molte delle dichiarazioni del berluska:
non più di qualche settimana fa aveva richiamato l’attenzione degli italiani sul fatto che la colpa dell’aumento dei prezzi era stato causato dall’entrata dell’Italia nell’euro. (accusa infondata tra l’altro..)
e che la colpa di tutto era di quel comunista di Mortadella….
ora, anzi oggi.. tutto apposto!!
nell’articolo che allego, dichiara che meno male che ci siamo nell’Europa dell’ euro (per un vantaggio personale, certo!!) se no la lira svalutava a livello di economie di paesi del terzo mondo…
lo “statista” di arcore certo ha una visione delle cose tutta sua,
basata più sull’interesse del momento che sull’analisi nel medio e lungo termine, come ci si aspetterebbe da un leader che possa essere chiamato tale.
un altro particolare che non compare da nessuna parte, neanche nei giornali della cosiddetta “opposizione”, è come un imprenditore di rango ( come si dichiara il presidente operaio…) e neanche uno del suo entourage, si sia accorto che una delle più grandi realtà economiche del paese (parmalat..) stesse procedendo verso la bancarotta.
forse bisognerebbe far notare anche che se silvio da arcore non fosse diventato premier, la fininvest sarebbe probabilmente commissariata per problemi di indebitamento…..
e che tra sviste dell’Istat, scelte economiche di dubbio successo, dichiarazioni roboanti ripetute all’infinito senza per altro un reale riscontro della loro efficacità, “lodi” creati ad hoc per proteggere connivenze e personaggi indispensabili (??) alla vita sociale ed economica del paese, il numero degli italiani che fa fatica ad arrivare a fine mese raddoppia!!!
e che dire della banca che l’uomo del biscione vuole collegare alla Poste Italiane utilizzando come sportelli il gran numero di sedi sparse sul territorio?
conflitto di interessi?
abusi?
no, figuriamoci..

ho il presentimento che un bel giorno questo premier dovrà fare i bagagli e trasferirsi all’estero.
vittima di un complotto, certo….

Berlusconi: stabilità grazie all’euro

31 gennaio 2004

L’euro ha portato «a una percezione e anche a un effettivo aumento dei prezziì, ma è stato utile rispetto al crac della Parmalat poichè, ad esempio, se ci fosse stata ancora la lira, «ci sarebbe stato un movimento della sua valutazione». Ieri dalla Slovenia Berlusconi è tornato più volte sui temi economici, e ha confermato che già martedì prossimo sarà varato dal Consiglio dei Ministri un disegno di legge sul risparmio, il cui testo – ha detto – è stato presentato ieri pomeriggio dal ministro dell’Economia Tremonti. Il testo poi, ha assicurato,«sarà portato in Parlamento che avrà così modo di intervenire per migliorarlo».

Il tema è infatti assai importante e delicato, ha osservato il premier, spiegando che non bisogna «trasformare un accadimento eccezionale come il crac Parmalat in una caccia alle streghe» che renderebbe difficile il lavoro degli imprenditori seri, «che in Italia sono la quasi
totalità, salvo eccezioni che non fanno testo».